SHOOT-TO-KILL. APERTA UN’INCHIESTA SU DUE OMICIDI DEL SAS

Martin McCaughey e Dessie Grew furono uccisi da 72 proiettili in un agguato del SAS vicino ad una fattoria di Lislasley, nei pressi di Loughgall (Co. Armagh) il 9 ottobre 1990. Dopo dodici anni, prevista per lunedì l’apertura di un’inchiesta

72 colpi: 48 colpirono Grew (37 anni) e 10 raggiunsero McCaughey (23 anni). A sparare furono quattro soldati del corpo speciale SAS, in una delle innumerevoli applicazioni della famigerata pratica dello “Shoot-To-Kill“. Tre fucili d’assalto AK47 furono rinvenuti poco lontano dal luogo dell’attentato.
Sono questi i dati che si leggono nei documenti legali che richiedono una revisione giudiziaria sulla morte dei due membri dell’IRA. Da dodici anni le famiglie e gli avvocati insistono che l’attentato violò la Convenzione Europea dei Diritti Umani, e nel maggio 2011 la Corte Suprema identificò gli obiettivi della nuova inchiesta: “esaminare la pianificazione e il controllo dell’operazione e la causa delle morti”. Il coroner dovrà attenersi all’articolo 2 della Convenzione, anche se lo Human Rights Act è del 1998 e non era in vigore quando Grew e McCaughey furono uccisi.
Per la Corte Europea dei Diritti Umani, infatti, i governi hanno il dovere di investigare sulle “morti sospette” e decidere se abbiano violato o no le leggi sui diritti umani.
L’inchiesta si aprirà lunedì alla Laganside Court di Belfast.

Annunci

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.