BLOODY SUNDAY 2013 ….END IMPUNITY!

Trascrizione e traduzione dello speech di Bernadette Devlin McAliskey

End Impunity!  Bernadette Devlin McAliskey Speech

Thanks very much.

I wasn’t really quite sure where to start here today. It’s good to see so many people here. I thought actually that Kate was going to read out some of the thanks to people before I started, but she’s going to do that afterwards.
So I’d just like to take a minute to thank Kate Nash, to thank the Nash sisters, to thank the families who have asserted their right to keep this issue to the fore until the truth is followed by accountability for the action.

It has been a lonely enough path at times for families. There are times when people who are in the thick of what is actually happening – the people who have actually suffered the brunt of the pain and the loss – have to travel very lonely paths sometimes, although we try our best to stand with everybody.

The ebb comes and goes. And it takes very brave people to keep standing their ground when there are plenty of people with them and when there are no people with them, simply because they know that justice remains to be done needs and not simply be seen to be have done.

So here on the forty-first anniversary of Bloody Sunday, I’m actually surprised myself on this cold day that somewhere in the back of my head is slightly too close for me at the minute a very uncomfortable memory of standing here forty-one years ago.

Sometimes you forget as well why we came on that day. It’s very important to remember first of all that we continue to fight, to challenge the cover-up, to challenge the pattern, to challenge the belief that the state can do whatever the states likes.

And even though some people from time to time get tired or begin to collaborate with the state in believing that it’s all best swept away somewhere and new starts made on corrupt beginnings, we still have to keep in front of people’s minds that it didn’t just happen to us.
Bloody Sunday is not exclusive to the people of Derry – not exclusive to the people of Northern Ireland.
Had many of you had the opportunity – which you didn’t – to be at some of the events yesterday, and hear Jenny Hicks speak of the loss of her two daughters at the cover-up in Hillsborough, to hear Dave Douglas speak about the cover-up of the attack on the miners, to hear Susan McKay speak on the cover-up of sexual abuse of innocent children who were supposed to be safe in the care of institutions and were violated there.

And I think what stood in common to all of us yesterday as we were speaking was that the deed was bad enough. The shooting of people in the street in Derry was bad enough. The failure to protect people in a football stadium was bad enough. But the worst thing that happened to people was that, having done it, was the lie. To immediately in the aftermath of doing it, to lie about it, and to consistently maintain that lie to protect the state, to protect the interest, to protect the guilty. And in order to keep that lie alive, to demonise, to vilify the innocent.

And let us remember that even today, when the vast majority of the innocent have been declared innocent – which we always knew – innocence is still denied to young Gerald Donaghy. Innocence is still denied to that young person on whose corpse soldiers planted nail bombs in his pockets so that they could say they saw them there or whatever it was they did. There has still not been a declaration of innocence for young Gerald Donaghy.

Let us also remember – and we talked about that yesterday as well – that that pattern, that pattern of the state action doing what they want, lying about the fact they did it, being able to draw in the great and the good – the media, the police, the Church, the social speakers, the powerful – to maintain that lie, that demonising of the victims, that long, long process of barricading the truth away from the people.

People talk about how long the Saville Inquiry took – how expensive the Saville Inquiry was. It took a long time and it cost a lot of money because for every single inch of that journey, for every single day of that journey, the British government, who set the Inquiry up, prevented the truth from being brought before it.
That’s why it cost a lot of money. That’s why it took a lot of time.

And as one of the people I still say I never asked for that inquiry, I never wanted it – that’s my personal stand – I never wanted to go to it, because the man who was sitting there, decent human being though he was, was an employee of the government I saw murder people in front of my eyes!
How was he going to find his employer guilty? So he laid the blame at a half a dozen soldiers. And they still have not been held to account.
But the true culprits will never be held to account unless we keep on this path until they are.

But let us not forget what took us onto the streets that day.
We did not stand here forty-one years ago for the purpose of being shot. That’s not why we came here. We didn’t stand here all that time ago to create a situation that we would have to remember year after year.

We came on the streets that day to end the policy of internment without trial. That’s what took us here.

And here today forty-one years later we have a new administration. We have a new dispensation. We have a new power structure. We have new civic collaborators in the administration of government. But we still have internment without trial.
We still have people in prison on the whim and the dictate of the Northern Ireland Secretary of State – the Overlord of this place.
And whatever minions of small people who think they have power here. The fact that they cannot have Martin Corey released means they have no power! Power still lies in the fist of the Northern Ireland Secretary of State. But they have paper power.

Marian Price remains in prison on the whim of the Secretary of State.

Dolours Price cannot be harmed by this state anymore, because they have finally destroyed that good woman, and she is now gone.

But the Minister of so-called Justice, David so-called-“Liberal” Ford, under Article 7 of the 2000 Act, at the stroke of a pen could release her sister, whom they are also trying to break in body and soul and spirit and mind. And for what?

It took all day yesterday in the High Court for a very brave lawyer to keep battling against David Ford, and I’m not supposed to say this because David Ford asked the judge to ensure there was no reporting.

Well, I don’t work for the media, so I’m not reporting – I’m just telling you.

In the High Court, on a judicial review, the judge said that David Ford’s behaviour and his judgment on not allowing Marian Price out – and not even considering it – for a few hours to sit by the coffin of her sister was unlawful, unreasonable and irrational. That’s what the judge said about the Minister of Justice of this small, misbegotten, corrupt, little, pretending state.
He said the Minister of Lilliput is irrational. He said the Minister of Lilliput doesn’t understand the law.
And he said that that young woman should be released for at least four hours to sit by the coffin of a sister for with whom she had shared a cell for many years, with whom she had suffered the human torture, degrading and inhuman treatment of having a tube put down her throat, into her stomach, held down until a jug of liquid was poured into that funnel, into that tube and into that stomach every single day for over four hundred days.

When we talk about people on hunger strike many young people here forget that when Marian Price and Dolours Price were on hunger strike it wasn’t that they were fasting – they were force-fed in that manner for every day for four hundred days, and it destroyed those young women. It destroyed their physical health.
And still the state, not satisfied, bullies one of them all of her life and imprisons the other one.

We came here forty-one years ago to demand (the end of) internment without trial. We came here forty-one years ago to make it perfectly clear that if Her Majesty’s government – Her Majesty owns the government! – if her Majesty’s government in the United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland could not insure that this part of her jurisdiction was governed openly, transparently, democratically and within the dictates of fundamental human rights and freedoms – which should be extended to people in prison – which should be extended to people who should not have their liberty removed from them except by due, open process of law – then this place should not be governed by Her Majesty’s United Kingdom government.

And I would like to say from this platform that I for one have not changed that position. And I don’t care who is currently standing between us, between us and Her Majesty’s government and attempting to administer democracy on their behalf.

Make the damn state work!
Make it work openly, democratically in support of the civil rights we have demanded since 1968!

We stand today looking at a new dispensation. People still in prison. The people in these houses – people who live here – (have) no housing executive after a few years. No welfare state. No health. No benefits. No civil rights. No nothing!
And you look on that wall and ask for what died the sons, the daughters, the children of these streets?

We have got to get our act together. We have got to do a bit more than just march. We have got to organise. We’ve got to educate ourselves. We have got to get moving or there will soon be nothing here, for anybody.

Let’s look at the bravery of the people who stood here.
Let’s look at the endurance of the families who have held this fight. Let’s look at the endurance of Marian Price and Martin Corey and the others and let’s say to ourselves: we have got to get a political programme together here and get the struggle for civil rights, political rights, social rights and economic rights together or we are in, comrades and colleagues, for one hell of a hiding.

Thank you very much.

End Impunity! Discorso di Bernadette Devlin McAliskey

Grazie mille.

Non ero sicura di come iniziare qui oggi. È splendido vedere così tante persone.
Credevo che Kate avrebbe letto alcuni ringraziamenti, ma visto che lo farà dopo vorrei spendere un minuto per ringraziare Kate Nash, per ringraziare le sorelle Nash, per ringraziare le famiglie che hanno deciso di ribadire il loro diritto a portare avanti la battaglia finché la verità non sarà seguita dall’obbligo di rispondere dell’accaduto.

È troppo spesso un cammino solitario per le famiglie, per chi è coinvolto in prima persona in quello che sta succedendo, per chi porta il peso del dolore e della perdita e ha dovuto percorrere un sentiero talvolta isolato, anche se facciamo del nostro meglio per restare al fianco di tutti.

La marea sale e scende, e servono persone molto coraggiose per rimanere in piedi sia che abbiano al loro fianco molti e sia che al loro fianco non ci sia nessuno, solo perché sono consapevoli che la giustizia non è ancora stata fatta, e non basta che sembri che sia stata fatta.

E oggi, nel quarantunesimo anniversario della Bloody Sunday, sono io stessa un po’ sorpresa che da qualche parte, negli anfratti della mia mente, sia in questo momento troppo vivido il ricordo di me in piedi su questo palco quarantun anni fa.

Ogni tanto vi dimenticate cosa ci portò qui quel giorno.
È importante ricordare prima di tutto che stiamo continuando a combattere contro gli insabbiamenti, contro lo schema e la convinzione che lo Stato possa fare tutto quello che vuole.

E anche se ogni tanto alcuni si stancano, o iniziano a collaborare con questo Stato credendo che sia meglio spazzare via tutto, e che ci siano stati nuovi inizi su radici corrotte, dobbiamo continuare a riportare alla mente delle persone che non è successo solo a noi.

La Bloody Sunday non è stata esclusiva per la gente di Derry, non è stata esclusiva per la popolazione dell’Irlanda del Nord.

Se aveste avuto la possibilità di essere qui ieri – e molti di voi non l’hanno avuta – avreste sentito Jenny Hicks parlare della perdita delle sue due figlie e dell’insabbiamento di Hillsborough, Dave Douglas parlare dell’insabbiamento dell’attacco ai minatori, Susan McKay parlare dell’insabbiamento degli abusi sessuali subiti da quei bambini innocenti che si supponeva fossero al sicuro nel grembo delle istituzioni, e che lì sono stati violati.

E secondo me, ciò che tutti gli episodi di cui abbiamo parlato hanno in comune è che quelle azioni sono state terribili abbastanza.
Sparare sulla gente per le strade di Derry è stato terribile abbastanza. Non essere riusciti a proteggere delle persone in uno stadio di calcio è stato terribile abbastanza. Ma la cosa più terribile è stata, dopo che la tragedia era stata compiuta, la menzogna. Immediatamente dopo averla compiuta, mentire su di essa, e mantenere coerentemente in piedi quella menzogna per proteggere lo Stato, per proteggere l’interesse, per proteggere i colpevoli. E, con lo scopo di mantenere viva quella menzogna, demonizzare e diffamare gli innocenti.

E non dimentichiamo che ancora oggi, quando la maggioranza degli innocenti sono stati riconosciuti tali – come avevamo sempre saputo che fossero – quell’innocenza è tuttora negata al piccolo Gerry Donaghy.
L’innocenza è ancora negata a quel ragazzino sul cui cadavere i soldati hanno nascosto delle bombe-chiodi per poter dire di avergliele viste in tasca, o qualunque cosa abbiano fatto. Non c’è ancora stata nessuna dichiarazione di innocenza per il giovane Gerry Donaghy.

Non dimentichiamo inoltre – e ne abbiamo parlato anche ieri – quello schema secondo cui lo Stato può fare quello che vuole, mentire su ciò che ha fatto, irretire e convincere gli onesti e i buoni, i media, la polizia, la Chiesa, i relatori sociali, i potenti a mantenere quella bugia; quella demonizzazione delle vittime; quella lunga, eterna macchinazione per barricare la verità lontano dalla gente.

Alcuni si sono lamentati di quanto sia durata la Saville Inquiry, di quanto sia costata la Saville Inquiry. È durata così tanto ed è costata così tanto perché per ogni singolo istante di quel viaggio, per ogni singolo giorno di quel viaggio il governo britannico, che aveva aperto l’inchiesta, ha cercato di impedire che la verità venisse alla luce.
Ecco perché è costata così tanto. Ecco perché ci è voluto così tanto tempo.

E io, da persona coinvolta, ripeto che non ho mai voluto quell’inchiesta, non l’ho mai richiesta, non vi ho mai partecipato – è la mia personale posizione – perché la persona che ne era stata incaricata, sebbene fosse un uomo d’onore, era un dipendente dello Stato che avevo visto ammazzare delle persone davanti ai miei occhi.
Come avrebbe potuto dichiarare colpevole il proprio datore di lavoro? Così scaricò tutta la responsabilità su mezza dozzina di soldati, che ancora non sono stati chiamati a risponderne, e la verità è che non lo saranno mai, se non continueremo su questa strada fino ad allora.

Ma non dimentichiamo cosa ci portò qui quel giorno. Non eravamo qui quel giorno di quarantun anni fa per farci sparare addosso. Non è per quello che eravamo qui. Non eravamo qui per creare una situazione che avremmo dovuto ricordare anno dopo anno. Eravamo qui su queste strade quel giorno per fermare la politica dell’internamento senza processo, ecco cosa ci portò qui.

E oggi, quarantun anni dopo, abbiamo una nuova amministrazione, una nuova disposizione, una nuova struttura di potere, nuovi collaboratori civili all’amministrazione del governo, ma abbiamo ancora l’internamento senza processo.
È ancora vivo.
Ci sono ancora persone in prigione secondo il volere dittatoriale del Segretario di Stato in Irlanda del Nord, il padrone di questa terra.
E anche se i servi, persone piccole, credono di avere potere qui, il fatto che non riescano a far rilasciare Martin Corey dimostra che non ce l’hanno. Il potere è sempre nelle mani del Segretario di Stato.
Marian Price resta in prigione per volere del Segretario di Stato.

Dolours Price non può più essere ferita da questo Stato. Perché alla fine hanno distrutto quella grande donna. E adesso se n’è andata.
Ma il Ministro della cosiddetta Giustizia, David-cosiddetto-Liberale-Ford, secondo l’articolo 7 del 2000 Act (Terrorism Act 2000, ndr), potrebbe con un colpo di penna rilasciare sua sorella, che stanno tentando di spezzare nel corpo, nell’anima, nello spirito, nella mente e per cosa?

Un coraggioso avvocato ha passato l’intera giornata ieri all’High Court a combattere contro David Ford. E io non dovrei dire nulla, perché David Ford ha chiesto al giudice di assicurarsi che nulla venisse riportato.
Ma io non lavoro per i media, quindi non sto riportando nulla – ve lo sto semplicemente dicendo!

All’High Court, durante la revisione giudiziaria, il giudice ha dichiarato che il comportamento di David Ford e la sua decisione di non lasciar uscire Marian per poche ore soltanto, per sedere accanto alla bara della sorella – e nemmeno di prenderne in considerazione l’eventualità! – è illegale, irragionevole e irrazionale. Questo ha detto il giudice sul Ministro della Giustizia di questo piccolo, sbagliato, corrotto, insignificante e finto stato. Ha detto che il Ministro di Lilliput è irrazionale. Ha detto che il Ministro di Lilliput non capisce la legge. E che quella giovane donna avrebbe dovuto essere rilasciata almeno per quattro ore, per sedersi accanto alla bara di una sorella con la quale aveva condiviso una cella per così tanti anni, e affrontato la tortura inumana e degradante di un tubo infilato giù per la gola e tenuto fino a quando un fiotto di liquido non fosse sceso dall’imbuto e nel tubo e fin nello stomaco ogni singolo giorno per più di quattrocento giorni.

Quando parliamo di scioperi della fame, molti giovani qui dimenticano che quando Marian Price e Dolours Price erano in sciopero della fame non digiunavano – vennero alimentate forzatamente in quel modo ogni giorno per più di quattrocento giorni, e questo ha distrutto quelle giovani donne, ha distrutto la loro salute fisica.
E ancora lo Stato, non soddisfatto, ne perseguita una per tutta la vita e getta in prigione l’altra.

Eravamo qui quarantun anni fa per chiedere la fine dell’internamento senza processo, per rendere perfettamente chiaro che, se il governo di Sua Maestà – perché Sua Maestà è a capo del governo – se il governo di Sua Maestà del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord non è in grado di assicurare che questa parte della sua giurisdizione sia governata apertamente, democraticamente e con trasparenza, e nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali – estesi ai prigionieri, estesi a chi non dovrebbe essere privato della propria libertà se non con un regolare e aperto processo – allora questo posto non dovrebbe essere governato dal governo di Sua Maestà del Regno Unito.
E io voglio affermare ora, da questo palco, che non ho mai cambiato questa posizione, e non mi importa di chi si pone tra noi, tra noi e il governo di Sua Maestà, nel tentativo di amministrare la democrazia in sua vece.

Fate funzionare questo dannato Stato!
Fattelo funzionare democraticamente, apertamente e nel rispetto dei diritti civili che chiediamo dal 1968!

Siamo qui oggi a guardare ad una nuova amministrazione. Persone ancora in carcere. Persone che vivono qui, in queste strade, per loro niente esecutivi per le abitazioni dopo anni. Niente welfare. Niente salute. Niente benefici. Niente diritti civili. Niente di niente!
E guardiamo quel muro, e ci chiediamo, “Per cosa sono morti i figli e le figlie di queste strade?”.

Dobbiamo unirci e agire insieme, dobbiamo fare di più che marciare soltanto. Dobbiamo organizzarci, dobbiamo educare noi stessi, dobbiamo mobilitarci, o presto non ci sarà più nulla qui. Per nessuno.

Guardiamo il coraggio di coloro che stettero qui prima di noi. Guardiamo la resistenza delle famiglie che si sono accollate questa battaglia, alla resistenza di Marian Price, di Martin Corey e degli altri, e diciamo a noi stessi che dobbiamo costruire un programma politico insieme, qui e ora, e affrontare insieme questa battaglia per i dritti civili, politici, sociali ed economici, perché altrimenti, compagni e colleghi, andremo incontro ad una pioggia di sconfitte.

Grazie mille.

Advertisements

Un pensiero su “BLOODY SUNDAY 2013 ….END IMPUNITY!

  1. Pingback: BLOODY SUNDAY 2013, IN MARCIA PER GIUSTIZIA E PROTESTA | The Five Demands

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...