L’INTERNAMENTO DEI REPUBBLICANI DEVE FINIRE

‘Denuncia’ contro l’abuso di potere, quale è l’internamento preventivo che da sempre miete ‘vittime’ tra le file repubblicane, senza alcun giustificato motivo

a cura di Doris Ercolani

Il mese scorso la veterana repubblicana Marian Price è stata arrestata dalla RUC / PSNI ed è più tardi apparsa in un Tribunale di Lisburn per affrontare l’ accusa ridicola di ‘glorificare il terrorismo’. L’avvocato di Belfast si è adoperata immediatamente per il rilascio su cauzione, dato che non rappresenta una minaccia per nessuno e ha 57 anni. Il Magistrato si è trovato d’accordo e ne ha ordinato il suo rilascio. Prima che Marian venisse rilasciata dal Tribunale, “il governatore britannico” Owen Patterson aveva ‘revocato’ la sua licenza di libertà imponendole di tornare in carcere e scontare la sua condanna a vita. Era stata condannata per il suo presunto coinvolgimento in una campagna di attentati della Provisional IRA sul suolo inglese, insieme alla sorella Dolores e ,tra gli altri, Gerry Kelly. Durante la loro detenzione, diedero vita a lunghi scioperi della fame per essere riconosciuti come prigionieri politici e per scontare le loro pene nelle carceri irlandesi. Che ironia per Marian che oggi Kelly sia uno dei tre Provisional membri del Sinn Fein che rappresentano il partito nel Policing Board britannico. Mentre Marian è isolata, l’unica donna detenuta in una prigione maschile a Maghaberry. Ovviamente Marian Price non è l’unica repubblicana irlandese ad essere tornata in prigione in circostanze come queste.

Per maggiorni informazioni: freemarianprice@gmail.com

Come Marian, Martin Corey, della contea di Armagh, fu condannato all’ergastolo nel dicembre 1973 per attività legate alla Provisional IRA. Scontò 19 anni a Long Kesh e venne rilasciato nel giugno 1992. Tornato nella sua città natale, fece del suo meglio per ricostruire i rapporti con la sua famiglia e gli amici. Come la maggior parte degli ex prigionieri di guerra, Martin si trovò ad affrontare difficoltà nella ricerca di un lavoro; ma nonostante tutto il suo impegno per la causa repubblicana per un’Irlanda libera è rimasto invariato. Tuttavia, senza preavviso, agenti della RUC / PSNI sono piombati a casa di Martin lo scorso aprile per una perquisizione. Immediato l’arresto e la revoca della licenza di libertà. Martin è stato portato via in tutta fretta e rinchiuso nel carcere di Maghaberry, nella contea di Down. Da allora, Martin è detenuto senza che alcuna motivazione ufficiale sia fornita dagli inglesi e / o dal governo di Stormont. Come Marian Price, Martin è un convinto repubblicano irlandese che viene “tenuto come ostaggio politico” a causa delle sue convinzioni politiche.

Per maggiori informazioni: releasemartincorey@gmail.com

La storia dell’ internamento di un uomo di West Belfast, Brendan Lillis è stata un po ‘diversa da quella di Marian e Martin. Brendan, o BL come è comunemente noto, fu arrestato per tentata di rapina nel 2009, senza alcun collegamento al movimento repubblicano irlandese. Nonostante questo, la licenza di libertà di BL fu revocata e gli fu ordinato di restare in carcere. Come molti suoi coetanei, anche Brendan fu membro della Provisional IRA nel 1971. Trascorse oltre 16 anni a Long Kesh e poi nei Blocchi H, quattro dei quali in blanket protest. BL fu rilasciato nel 1994 e tornò alla sua nativa West Belfast, dove ha vissuto fino al suo nuovo arresto. All’inizio di quest’anno tutte le accuse contro BL sono state respinte in quanto, i medici hanno ritenuto che a causa delle sue precarie condizioni di salute non fosse idoneo ad affrontare un processo. Dal suo arresto, BL si trova nell’ospedale carcerario della prigione di Maghaberry afflitto da spondilite anchilosante, una condizione dolorosa e incurabile che causa gravissimi problemi alla spina dorsale. Al momento dell’arresto nel 2009, Brendan pesava circa 175 libbre, contro le malapena 82 di adesso. E’ costretto in un letto, e non può alzarsi in nessun modo. Come Marian Price, BL è tenuto in isolamento e non ha alcun contatto con gli altri prigionieri.. I suoi amici e la sua famiglia sono preoccupati per la sua salute e credono che gli venga negato un trattamento medico adeguato.
I media principali cercano di far sembrare che tutto vada bene nelle sei contee occupate dagli inglesi. Si rifiutano di trasmettere o stampare qualsiasi notizia che esponga i difetti inerenti alla continua occupazione e/o partizione. Tuttavia, è chiaro a chiunque legga i fatti appena descritti, che la presenza britannica rimane corrotta e vendicativa come lo è sempre stata! Il gruppo repubblicano di Ardoyne invita tutti i repubblicani irlandesi, Socialisti e Democratici ad evidenziare che l’internamento di Marian, Martin e Brendan è solo uno dei molti problemi connessi con la continua negazione impostaci dal governo britannico della sovranità nazionale irlandese.

Per maggiori informazioni: http://foco.us/baTm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.