SI DECIDERA’ ENTRO DUE SETTIMANE LA MESSA IN STATO DI ACCUSA DEI SOLDATI COINVOLTI NELLA BLOODY SUNDAY

Diciassette ex soldati del Reggimento Paracadustisti, il più vecchio dei quali ha 77 anni, rimangono sotto inchiesta per la Bloody Sunday che insanguinò il Bogside di Derry il 30 gennaio del 1972

Il 14 marzo, i pubblici ministeri nordirlandesi incontreranno le famiglie delle vittime, prima di annunciare se gli ex paracadutisti saranno processati. Gli indagati affrontano accuse che vanno dalla spergiuro all’omicidio.

Bloody sunday map

“Ci sono quattro soldati più a rischio di essere accusati di omicidio”, ha detto una fonte al Daily Telegraph. “… sembra uno spreco di soldi,  perseguire truppe da quasi 50 anni”.
Il Daily Mail ha portato avanti una lunga campagna contro quella che consideera come una caccia alle streghe delle truppe britanniche. Il loro ‘trattamento’ sarebbe in netto contrasto con quello riversato ai membri dell’IRA che, in base all’Accordo del Venerdì Santo, devono affrontare un massimo di due anni di carcere per le atrocità commesse durante i Troubles.

10476840-0-image-a-32_1551486576627

L’indagine penale era iniziata dopo l’inchiesta di 12 anni guidata da Lord Saville, che si concluse nel 2010, costando 200 milioni di sterline.
Gli ex soldati a maggior rischio di accuse di omicidio sono stati evidenziati nel rapporto di Lord Saville come Lance Corporal F, Caporale P, Soldato R e Soldato U.
Secondo le regole dell’inchiesta, ai soldati coinvolti è stato concesso l’anonimato. Tuttavia, temono di poter essere identificati se i casi dovessero finire in tribunale.
Il soldato identificato con la lettera O, ha dichiarato: “È una preoccupazione”.
Tuttavia, ha aggiunto: “Sono sulla mia fine degli anni ’70. Sono nella sala d’aspetto di Dio. Non c’è molto che possano farmi”.

10476842-0-image-a-30_1551486426680

I pubblici ministeri dovranno dimostrare che le persone sono responsabili di determinati crimini. Rimangono poche prove forensi e anche le dichiarazioni dell’inchiesta iniziale del 1972 possono essere escluse, dal momento che i soldati erano messi sotto pressione da ufficiali comandanti. Le prove fornite a Lord Saville dai soldati non possono essere usate contro di loro.

Johnny Mercer, deputato conservatore ed ex capitano dell’esercito che ha prestato servizio in Afghanistan e nell’Irlanda del Nord, ha dichiarato al Daily Telegraph: “Penso che gli inglesi non prenderanno in considerazione una decisione presa per accusare i veterani, 47 anni dopo l’accaduto”.

Tratto da Daily Mail

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.