STRAGI DI BALLYMURPHY E LA MON, NESSUNA NUOVA INCHIESTA

Dolorosa delusione per i familiari delle vittime di due tra le stragi più drammatiche dei Troubles, quella di Ballymurphy (agosto 1971, responsabile l’esercito britannico) e quella di La Mon (febbraio 1978, responsabile l’IRA)

Il Segretario di Stato per l’Irlanda del Nord, ha oggi ancora una volta spezzato le speranze di giustizia di famiglie che la attendono da ormai quatto decenni: per tutti, una delusione descritta come “devastante”.

Theresa Villiers ha infatti annunciato la decisione di non intraprendere un’inchiesta indipendente sulla strage di Ballymurphy (nella quale i parà dell’esercito britannico uccisero 10 civili), e di non lanciare una revisione “in stile De Silva” dell’inchiesta sulla strage di La Mon (che contò 12 vittime per mano dell’IRA).

Nelle parole del Segretario di Stato, una revisione indipendente sulla strage di Ballymurphy non sarebbe “nel pubblico interesse”, in quanto ritiene che “non aggiungerebbe risposte a quelle già di pubblico dominio o già oggetto di procedimenti legali”.

Tuttavia, come ha ricordato il Taoiseach Enda Kenny nell’esprimere delusione per la decisione, “la reputazione delle vittime non è ancora stata restaurata”: infatti, sebbene i familiari abbiano da sempre reso chiaro che si trattava di civili innocenti e disarmati, l’esercito britannico non ha mai smesso di sostenere di aver sparato soltanto in risposta al fuoco.

Motivazione simile per il rifiuto di aprire una revisione dei risultati dell’inchiesta sulla strage di La Mon. “Una nuova inchiesta a mio parere non si baserebbe su alcuna nuova prova né raggiungerebbe conclusioni differenti”, ha spiegato Theresa Villiers.

“Riconosco che questa non fosse la decisione in cui i familiari delle vittime speravano, e l’incontro con loro mi ha commossa profondamente”, ha voluto aggiungere. “So che, nonostante il tempo passi, il dolore per quest’atrocità resta lo stesso, e porgo nuovamente le mie più sentite condoglianze alle famiglie per le loro perdite e le ferite che hanno subito”.

Secondo Michael Copeland (DUP East Belfast), che ha commentato la decisione unendosi alla delusione dei familiari, “è urtante che le famiglie continuino ad essere tenute all’oscuro”, poiché ci sarebbero “persone che sanno cosa sia successo quel giorno, sanno perché e sono a conoscenza dei nomi di chi diede gli ordini”. 

“A chiunque abbia informazioni su quella bomba non dovrebbe essere permesso di restare in silenzio”, ha aggiunto.

Advertisements

Un pensiero su “STRAGI DI BALLYMURPHY E LA MON, NESSUNA NUOVA INCHIESTA

  1. Pingback: MICHAEL McCONVILLE: “UN SACCO DI GENTE IN IRLANDA E’ CONTENTO DELL’ARRESTO DI ADAMS” | The Five Demands

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...