Lyra McKee. Rifiutata la cauzione a Paul McIntyre

La libertà su cauzione è stata negata per il rischio di recidiva e di interferire con i testimoni

A distanza di pochi giorni dal primo anniversario dell’uccisione della giovane giornalista Lyra McKee, si è tenuta a Derry l’udienza per decidere della libertà su cauzione di Paul McIntyre.

L’uomo, residente in Kinnego Park, oltre all’accusa di coinvolgimento in omicidio, è accusato di appartenenza ad organizzazione illegale, possesso di molotov, comportamenti riottosi, possesso di una pistola e munizioni con l’intenzione di mettere in pericolo la vita altrui.

Eoghan Devlin, avvocato difensore di McIntyre, ha affermato che la richiesta di libertà su cauzione si è basata su un mutamento di circostanze in quanto non vi sono testimoni, telefoni cellulari, né prove di identificazione contro l’imputato né, ha aggiunto, prove biometriche.

Stando alla difesa, non ci sarebbero nemmeno prove, come sostenuto dall’accusa, della dichiarazione di una donna a cui l’imputato aveva confidato: “Non sono stato io, è stato uno dei figli di un nostro membro (Saoradh, ndr)”.

All’inizio di quest’anno non c’era stata resistenza alla richiesta di libertà su cauzione.
L’accusa, presentando poi opposizione, ha affermato che restano in piedi le prove fondamentali contro l’imputato in termini di altezza, filmati registrati dalle telecamere a circuito chiuso e l’identificazione da parte degli agenti di polizia.

Il giudice distrettuale, preso atto che non si possa fare affidamento sulla testimonianza della donna e ammettendo quindi che ci sia stato un cambiamento nelle circostanze, ha però ritenuto che il rischio in termini di recidiva o di interferenza con i testimoni “è troppo grande per giustificare la cauzione”.

Lyra Mckee rimase uccisa il 18 aprile 2019, nel corso di scontri tra repubblicani e agenti della PSNI, avvenuti nella notte a Creggan. A distanza di pochi giorni, la New IRA ammise la propria responsabilità nell’uccisione.

Il caso è stato rinviato fino al 21 maggio.

Tratto da Belfast Telegraph

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.