CASO MARSHALL, LETTERA DI BREANDAN Mac CIONNAITH

Lettera di Breandan Mac Cionnaith –  Segretario Generale di éirígí – all’indirizzo di John Leckey, coroner che ha deciso di ritardare per almeno altri 6 anni ogni decisione sull’apertura di un’inchiesta sull’omicidio di Sam Marshall

Traduzione a cura di Sara Parmigiani

Oggi  (Venerdì 23 marzo), ho partecipato a ciò che è stata ufficialmente descritta come un’udienza preliminare dal Six County Coroner, John Leckey, sull’omicidio di Sam Marshall avvenuto a Lurgan il 7 marzo 1990.
Di fatto, appena 48 ore prima, l’ufficio del medico legale aveva inviato via fax una lettera al rappresentante legale della famiglia Marshall.
Per fugare ogni dubbio su quale fosse lo scopo dell’udienza di oggi,  l’Ufficio del Coroner ha dichiarato in modo chiaro ed inequivocabile

“L’ordine del giorno è il seguente:
1. Notifica
2. Accordi per pianificare un’inchiesta “

Tuttavia, fin dall’inizio del dibattimento, è stato subito chiaro che questo ordine del giorno non sarebbe stato rispettato.
Partendo con il ripetere quanto detto nel corso di un’udienza simile per l’omicidio Marshall nel 2008 , Leckey ha dichiara che come era stato dichiarato nel processo legato all’omicidio (nel 1992), anche ora è del parere di ritardare ulteriormente la decisione su una qualsiasi inchiesta fino a quando l’indiagine condotta dal Police Ombudsman non porterà alla luce nuove informazioni.
Il Coroner ha dichiarato: “Al momento non posso dire che sia necessaria un’inchiesta e rimando tale decisione fino a dopo la relazione del Police Ombudsman.”
L’anno scorso, l’ufficio del Police Ombudsman, che indagò su accuse contro la polizia delle Sei Contee, era stato condannato da un rapporto sul modo di trattare i casi “storici” in cui si sospetta una collusione tra le Forze dello Stato e gli squadroni della morte unioniste. Come risultato, tutti questi casi sono stati effettivamente lasciati in sospeso.
Il rappresentante legale del Police Ombudsman, durante l’udienza ha detto di dover far fronte ad ostacoli finanziari nelle indagini su casi storici, ma spera che si possano risolvere e che si possa giungere a stabilire un piano per rivedere tutti questi casi. Potrebbero occorrere almeno sei anni perchè il processo vengo completato.
Il Coroner ha poi dichiarato di non voler ulteriormente intraprendere alcuna azione fino a che il Police Ombudsman non abbia completato il caso, sospendendo di fatto ogni decisione in merito ad un’inchiesta per almeno sei anni se non di più.
Nonostante le osservazioni contro il medico legale poste da parte dei rappresentanti legali della famiglia Marshall e di altri due uomini bersagli nella sparatoria del 1990, Leckey ha chiuso l’udienza.
Nel 2008, Leckey guidò la famiglia Marshall in un processo sia con l’Historical Enquiries Team che con il Police Ombudsman Office; cosa che la famiglia Marshall fece a malincuore.
Nel settembre dello scorso anno, il Police Ombudsman Office aveva finalmente scritto alla famiglia Marshall informandola che a distanza di tre anni a partire dal 2008, nessuna indagine era stata ancora avviata.
Sempre nel 2008 la famiglia diede il là al processo con l’HET.
All’inizio di questo mese, sono state portate alla nuove informazioni sull’omicidio di Sam Marshall. Informazioni trapelate durante il processo dell’HET che ha rivelato come fino a nove soldati britannici, sotto copertura con sei vetture differenti, tenevano Sam Marshall sotto sorveglianza diretta al momento del suo assassinio.
Quando fu ucciso, almeno due di questi soldati erano a piedi a distanza di pochi metri dietro Sam – un fatto che lo Stato britannico aveva tenuto nascosto per oltre 20 anni.
Leckey ha una copia del rapporto dell’HET ed è consapevole di tali fatti.
Quale altre “nuove” informazioni sono ora necessarie al fine di procedere con un’inchiesta?
Più esplicitamente, cosa è avvenuto esattamente nelle 46 ore trascorse tra le ore 01:06 di Mercoledì 21 marzo, quando la lettera del medico legale (sopraccitata) è stata inviata a mezzo fax al legale rappresentante della famiglia Marshall, e le ore 11:00 di oggi, che ha completamente cambiato l’ordine del giorno dell’udienza?
Sono state fatte pressioni su John Leckey affinchè ritardasse ulteriormente accordi per un’inchiesta sull’omicidio di Sam Marshall?
Se è così, chi c’è dietro a queste pressioni?
Chi teme che tutti i fatti che circondano l’omicidio di Sam Marshall vengano a galla?

Le meas,
Breandan Mac Cionnaith

Articoli Correlati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.