Tag Archives: Relatives for Justice

BAMBINI UCCISI DA PROIETTILI DI PLASTICA. DOCUMENTI “SECRETATI PER I PROSSIMI 50 ANNI”

Per ragioni che il governo britannico ritiene di “sicurezza nazionale”, i documenti degli Archivi Nazionali riguardanti i casi della 14enne Julie Livingstone, uccisa da un proiettile di plastica nel 1981, e del 15enne Paul Whitters, a cui è toccata la stessa sorte, sono stati “secretati” per ulteriori 50 anni “Significa che nessuno che la conosceva sarà vivo quando verranno rivelati”,

Leggi altro

TROUBLES. 200 EX MEMBRI DELLE FORZE DI SICUREZZA SOTTO INCHIESTA

E’ rottura tra il Ministero della Difesa e il NIO su come affrontare le imputazioni per i reati commessi dalle forze di sicurezza all’epoca dei Troubles Sono 200, tra ex soldati e membri delle forze di polizia, ad essere ufficialmente sotto inchiesta per le presunte azioni criminali commesse durante i Troubles, in Irlanda del Nord. Allo stato attuale sono almeno

Leggi altro

LA PSNI “NON RIVELÒ INFORMAZIONI RILEVANTI” SU ALCUNE STRAGI LEALISTE

La PSNI non rivelò al Police Ombudsman “informazioni vitali” su alcune stragi lealiste. Il Police Ombudsman Michael Maguire ha contattato il Ministero della Giustizia perché venga attuata una revisione di come la PSNI rivela le informazioni. Relatives for Justice: “Dovrebbe essere segnalata come questione urgente” Le immediate scuse della PSNI, che dichiara “di non avere, semplicemente, le risorse sufficienti per affrontare i

Leggi altro

NUOVA INCHIESTA SULL’OMICIDIO DI UN RAGAZZO DISARMATO PER MANO DI UN SOLDATO BRITANNICO

Il Procuratore Generale ha ordinato che una nuova inchiesta sull’omicidio di uno uomo disarmato, affetto da severo ritardo intellettivo, colpito alla schiena da un soldato inglese il 7 agosto 1974 Patrick (Paddy) McElhone, 25 anni sofferente di una grave disabilità di apprendimento, fu preso dalla sua abitazione e ucciso in un campo vicino a Limehill Road a Pomeroy, da Roy

Leggi altro

INAUGURATO IL ‘GROVES REILLY CORNER’

Situato sul sito dell’ex caserma della RUC di Andersonstown, il Groves Reilly Corner è stato dedicato alla defunta Emma Groves e della sua amica, l’ottantenne Clara Reilly Circa 200 persone, tra cui Paul Maskey, MP di West Belfast,  Gerry Adams leader storico dello Sinn Fein e il sindaco Deirdre Hargey, si sono riunite ieri 19 gennaio per la cerimonia ufficiale

Leggi altro

‘GROVES REILLY CORNER’ PER EMMA E CLARA

Ad inaugurare il sito, in onore di Emma Groves e Clara Reilly, sarà il sindaco Deirdre Harge insieme ai leaders della comunità, presso l’ex caserma della RUC di Andersonstown Sarà una cerimonia particolarmente commovente, in quanto Emma e Clara hanno protestato per decenni contro le violazioni dei diritti umani e in memoria di quelli feriti e uccisi da proiettili di

Leggi altro

RITIRATA AZIONE LEGALE CONTRO IL RILASCIO DI FILES DEI TROUBLES

Il Segretario di Stato per il Nord Irlanda, Theresa Villiers, ha ritirato un’azione legale che minacciava di bloccare il rilascio di documenti su tre omicidi dei Troubles L’azione era stata intrapresa dopo che il Ministro della Cultura, Carál Ní Chuilín, aveva consegnato alle famiglie delle tre vittime i documenti delle inchieste che erano state svolte sui tre omicidi. Il Governo

Leggi altro

OPERATION BANNER, A BELFAST UNA STATUA AI MILITARI

Al vaglio del Belfast City Hall la costruzione di un monumento ai soldati dell’Esercito britannico che presero parte all’Operation Banner, ovvero l’invio delle truppe britanniche e della RUC in Nord Irlanda Una statua di bronzo da 55.000 sterline: è una delle proposte prese in considerazione dal Belfast City Hall per “rendere omaggio ai membri delle forze di sicurezza e ai

Leggi altro

RELATIVES FOR JUSTICE: “L’ESERCITO EBBE IL VIA LIBERA PER LO SHOOT-TO-KILL”

Rinvenuto un documento segreto che prova che nel 1972 fu a tutti gli effetti dichiarata un’amnistia per i soldati britannici all’indomani della fine di un cessate il fuoco dell’IRA: lo denuncia il gruppo Relatives for Justice Il 9 luglio 1972 si concluse un cessate il fuoco dell’IRA di sole 48 ore: il giorno successivo, in un meeting a Stormont, i

Leggi altro

ACCUSE ALLE FORZE DI SICUREZZA: “NESSUNO HA FERMATO GLI SHANKILL BUTCHERS”

A trentacinque anni dal barbaro omicidio di una delle diciannove vittime della famigerata gang UVF passata alla storia come “Shankill Butchers”, la famiglia intraprende un’azione legale contro lo Chief Constable della PSNI “Non ci fu alcuna appropriata indagine sugli omicidi che precedettero quello di mio padre: il RUC non fece nulla per fermarli”. A parlare è Charlotte Morrissey, la cui

Leggi altro
« Vecchi articoli