Ordigno lanciato contro una finestra della casa di un familiare di Pat Finucane

Il dispositivo è stato rinvenuto a Lenadoon nei pressi della casa di Martin Finucane, fratello di Pat Finucane assassinato da un commando lealista il 12 febbraio 1989

La PSNI ha affermato che il dispositivo è stato lanciato dentro ad una delle finestre dall’abitazione verso le ore 6.30 di giovedì. Fortunatamente Martin e il figlio sono rimasti illesi.

Finucane ha dichiarato che l’ordigno, trovato sul davanzale della finestra, è stato assemblato con accelerante, batterie e chiodi.

finucane-lenadoon-bomb-attack-016

Riferendosi alle recenti minacce nei confronti di rappresentanti eletti dello Sinn Fein, Martin Finucane ha affermato: “Sappiamo tutti che sono state lanciate minacce ai membri dello Sinn Fein e alle loro famiglie. Vorrei che (i responsabili) spiegassero perché questo è successo a me. Non sono un membro dello Sinn Fein … non c’è giustificazione per quanto accaduto.”

John Finucane, figlio di Pat Finucane, ha commentato: “(Mio Zio) Ha messo in chiaro che le persone che hanno svolto l’attacco dovrebbero assicurarsi che questa sia stata l’ultima casa ad essere attaccata. Non c’è supporto, non c’è spazio per loro in questa società.”
“È stato un attacco codardo. Non avrebbe dovuto succedere. Vorrei chiedere ai responsabili di ripensare a quello che hanno fatto stamattina. Attaccare mio zio è qualcosa che non avrebbe dovuto accadere. Vorrei invitare i personaggi influenti ad assicurarsi chesia l’ultima volta che la casa di qualcuno viene attaccata.”

Paul Maskey (MP dello Sinn Fein), dando per primo la notizia poco dopo le 10 di questa mattina, aveva dichiarato: “Un ordigno rudimentale è stato lanciato contro casa del fratello dell’avvocato Pat Finucane, a West Belfast. E’ sbagliato e condanno l’azione senza alcuna riserva”.

“E’ un atto sconsiderato e mostra un insensibile disprezzo per la famiglia Finucane e la comunità locale”.

“Questo è un attacco a un attivista che si batte per la giustizia e per i diritti umani e, come tale, è un’azione contro tutta la comunità”.

Ha aggiunto: “Coloro che stanno dietro questo dispositivo non hanno nulla da offrire alla società”.

“Chiedo a chiunque disponga di informazioni sui responsabili di questo attacco, di fornirle alla polizia”.

Un portavoce del Relatives For Justice ha affermato di essere  “assolutamente disgustato dal fatto che una bomba sia stata lanciata contro la casa di uno dei nostri membri fondatori”.

“Martin ha girato il mondo per mettere in luce la collusione dello Stato, nel caso di suo fratello e così come in altre centinaia. Questa mattina la nostra solidarietà va a lui”.

Il Pat Finucane Center ha dichiarato di essere rimasto “scioccato” dall’attacco a uno dei suoi membri del consiglio.

La famiglia Finucane si prepara a incontrare venerdì il Segretario di Stato per discutere una decisione della Corte Suprema sulla decisione sostenuta dal governo, di non tenere un’indagine pubblica sull’omicidio del 1989 dell’avvocato. Sarà il loro primo incontro dopo la sentenza che riscontrò la mancata condotta di un’indagine efficace sull’omicidio.

Ultimo aggiornamento ore 19.00

Fonti NewsletterBelfast Telegraph