9 AGOSTO 1971 – 9 AGOSTO 2011, 40 ANNI DI INTERNAMENTO

L’internamento non deve essere visto solo come un evento storico
(Tratto da “Derry Journal“, edizione 9 agosto 2011)

Traduzione a cura di Sara Parmigiani

Oggi segna l’introduzione di 40esimo anniversario dell’introduzione dell’internamento, ma un ex-internato da Derry, Gerry McCartney, ha detto che è tutt’ora in corso.
L’internamento senza processo fu introdotto nelle prime ore del 9 agosto 1971 dall’alloro Primo Ministro del Irlanda del Nord  Brian Faulkner e all’alba, 1.800 soldati britannici, sostenuti dalla RUC (Royal Ulster Constabulary, ndr), fecero irruzione nelle case di tutto il Nord, arrestando nazionalisti e repubblicani.
Fu progettato per combattere il crescente numero di attacchi dell’IRA in tutto il Nord.
342 uomini furono arrestati il ​​primo giorno di internamento, identificato dal British Army con il nome in codice “Operation Demetrius” (Operazione Demetrio),. La RUC agì in base ad informazioni raccolte sul momente e, di conseguenza, molte delle persone arrestate avevano poco o niente a che fare con l’IRA.
Gli internati prima furono portati nelle prigioni di Crumlin Road e Maidstone, una nave prigione ormeggiata nel Belfast Lough. Con l’incremento dei numeri le autorità convertirono una ex base della RAF, Long Kesh,  in una prigione e gli internati furono trasferiti lì. Long Kesh diventò poi la principale prigione del Nord e un punto focale dei Troubles.
Tar Abhaile, il gruppo repubblicano di Derry a sostegno degli ex prigionieri, hanno organizzato una serie di eventi che si svolgeranno oggi (9 agosto 2011) nella città per ricordare l’anniversario.
Gerry Mc Cartney, ex internato, ha dichiarato che nonostante sia importante commemorare l’anniversario dell’introduzione dell’internamento, non dovrebbe essere visto come un evento meramente storico.
“C’è un internato in condizioni critiche in ospedale oggi,” ha detto. “Brendan Lillis è detenuto senza accuse, e questo è ciò che è l’internamento. 40 anni fa fu introdotto l’internamento e, almeno secondo gli inglesi, si concluse il 5 dicembre 1975. Ma abbiamo ancora persone internate a Maghaberry. Così come Brendan Lillis, anche Marian Price non è stata dichiarata colpevole di alcun reato. Lei è lì solo perché il Segretario di Stato ne ha revocato la licenza di libertà. Se guardiamo al 1971, è importante ricordare che abbiamo ancora degli internati a Maghaberry’, ha detto.
McCartney, un membro di un’importante famiglia repubblicana a Derry, non fu arrestato in occasione dell’introduzione dell’internamento nell’agosto del 1971, perché era in vacanza. Riuscì ad evitare l’internamento per tre anni, ma fu arrestato nel 1974 e rinchiuso nelle celle di Long Kesh.
“Il giorno in cui fu introdotto l’internamento ero in vacanza a Bundoran e voci di corridoio rapportarono su quanto stava accadendo. L’internamento non arrivò come una sorpresa e vi furono segnali che ciò stesse per accadere”,ha spiegato.
Il leader repubblicano ha anche detto di internamento è stato utilizzato quasi esclusivamente contro i nazionalisti. “Il governo irlandese voleva anche l’internamento dei lealisti  Faulkner ostacolò all’idea. Migliaia furono internati in cinque anni, ma solo 104 era lealisti, nonostante il fatto che le prime bombe furono esplose dall’UVF, responsabile anche del prima vittima. E ‘stata una tattica unilaterale perché i lealisti non erano visti come una minaccia per lo Stato”.
Mr McCartney ha spiegato di essere stato “in fuga” per due anni prima di essere internato. “Non abitavo più nella mia casa dalla metà del 1972, ma hanno continuato a fare irruzione. A Natale 1973 la casa dei miei genitori fu perquisita cinque volte quel giorno. Le famiglie hanno sostenuto il peso delle incursioni in casa. Ero ben consapevole del rischio di arresto ma sono stati i genitori a dover sopportare i raid regolari nella loro casa.
Arrestato
“Quando fui arrestato nel settembre del 1974 ero a Creggan e fui portato a Ballykelly e poi condannato all’internamento e portato al campo. In quella fase era in corso una protesta e gettavamo cibo fuori delle celle”, ha detto.
Durante il suo internamento, il signor McCartney fu coinvolto in uno degli episodi più drammatici che si tennerò a Long Kesh, l’incendio del campo. “Arrivai alla fine di settembre e il 15 ottobre demmo fuoco al campo. Combattemmo con l’esercito britannico che ci circondò ad una estremità del campo senza lasciarci via di scampo. Fu in quel momento che utilizzarono il gas CR contro di noi. Ci furono interpellanze in merito all’utilizzo del gas. Gli inglesi dicono di non averlo mai usato operativamente ma so per certo che lo hanno fatto perché lo hanno usato su di me. Non lo utilizzarono per riprendere il controllo del campo, perché già ci avevano circondato. Lo stavano semplicemente sperimentando su di noi”, ha spiegato.
L’uomo di Derry ha anche aggiunto che internati venivano spesso brutalizzati a Long Kesh. “Le gabbie venivano perquisite ogni sei settimane, di solito alle 4 del mattino quando i soldati arrivavano e battevano i letti e si doveva lasciare la baracca e correre alla mensa sfidando la ‘pena delle verghe’ di soldati e cani. Se percepivano una tua resistenza ti stagliavano contro il filo”, ha raccontato.
Egli ha anche detto quando fu annunciato il rilascio degli internati, si creò un clima difficile nel campo. “La prima avvisagli che si fosse giunti alla conclusione, come dicevano, era febbraio o marzo 1975. William Whitelaw disse che sarebbe stato gradualmente  eliminato entro Natale. Fu come un nuovo tipo di tortura, perché venivamo rilasciati in lotti, ma non sapevo quando. Venivano liberati gruppi di sei persone ogni Martedì e Venerdì. Ogni giorno ti svegliasi chiedendoti se sarebbe stata la tua settimana per uscire”.
Storia
Mr McCartney ha anche detto di ritenere importante per i giovani conoscere la storia dell’internamento. “Si dice spesso che se non conoscete il vostro passato allora correte il pericolo di ripeterlo e penso che sia per questa ragione che dobbiamo guardare indietro. Vorrei incoraggiare tutti a partecipare alle manifestazioni organizzate oggi dal Tar Abhaile”.
Meabh Mackel, coordinatore del progetto Tar Abhaile ha aggiunto: “A mezzogiorno di oggi il Tar Abhaile terrà un incontro pubblico presso il Free Derry Corner e per commemorare l’anniversario e McCartney sarà il relatore principale”.
“Anche i parenti delle vittime di Ballymurphy saranno  presenti. Ci sarà un secondo evento questa sera presso il Tower Hotel, dove un avvocato relazionerà sulla sfida legale in corso montata da ex-internati, e il lavoro la rete di ex pows sta facendo su questo tema”.
“Alcuni ex internati e familiari prenderanno anche parte a una tavola rotonda. L’evento inizierà alle 20:30 e tutti sono i benvenuti.”

I primi internati di Derry ad essere trasportati da un elicottero del British Army sulla nave prigione di di Maidstone. Tra quelli nella foto i veterani repubblicani di Derry, Sean Keenan e McNaught Mickey

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.