Tag Archives: poa

POA SORDA ALLE CRITICHE: “LE STRIP SEARCHES SONO NECESSARIE”

A seguito delle critiche contenute in un rapporto del CJI (Criminal Justice Inspectorate), la Prison Officers’ Association non demorde: “Le strip searches sono necessarie alla sicurezza dei detenuti e dello staff” Nel mirino del rapporto le condizioni di vita ad Hydebank Wood, che condivide il terreno con la Ash House: tra i 171 detenuti (tutti giovani tra i 18 e

Continua a leggere

MANIFESTANTI A STORMONT CONTRO LA CHIUSURA DI MAGILLIGAN

La prigione di Magilligan è il secondo istituto penitenziario per dimensione nel Nord Irlanda dopo Maghaberry. Consegnata petizione  contro la chiusura al Ministro della Giustizia David Ford Decine di manifestanti capeggiati da Finlay Spratt, presidente della Prison Officers Association, sono scesi in protesta a Stormont. E’ stato lo stesso Spratt a consegnare nelle mani di David Ford, Ministro della Giustizia, una

Continua a leggere

PERSONALE CARCERARIO, SI’ ALLE RIFORME

La POA (Prison Officers’s Association) firma un accordo su nuove procedure lavorative. Ford: “Si apre una nuova era di relazioni industriali nelle carceri” L’accordo appena firmato prevede, tra le altre novità che per Ford segnano “una svolta”, l’assunzione di centinaia di nuovi agenti per nuovi impieghi a salario più basso, che prenderanno il posto di quelli che lo hanno recentemente lasciato

Continua a leggere

LA RIFORMA CARCERARIA E’ UN “CASINO”

Le osservazioni di Finlay Spratt, presidente della Prison Officers Association, all’indomani dell’aggressione subita da 3 secondini nel carcere di massima sicurezza di Maghaberry La riforma carceraria in Irlanda del Nord è un “casino”, “una risposta inglese ad un problema irlandese”. Durissime parole pronunciate da Finlay Spratt, Presidente della Prison Officers Association (POA), sicuro che la situazione sia destinata a peggiorare

Continua a leggere

E’ GIUNTO IL MOMENTO DI UNA MISSIONE UMANITARIA A MAGHABERRY

“Lettera Globale” firmata da Fionnbarra O’Dochartaigh – co-fondatore del NICRA nonchè co-coordinatore del Derry & N-West Civil Rights Network – che sostiene sia giunta l’ora in cui una delegazione umanitaria varchi i cancelli di Maghaberry Traduzione a cura di Sara Parmigiani C’era, almeno superficialmente, quella che sembrava essere stata una vera e propria offerta al fine di evitare conflitti tra i

Continua a leggere

STRIP SEARCHES. UFFICIALI PENITENZIARI “PREZIOSI” ALLEATI DEI POWS

A sorpresa il portavoce del sidacato del personale carcerario chiede al Ministro della Difesa di impegnarsi seriamente per trovare un valido metodo di perquisizione che possa ridurre il ricorso alle strip searches “di cui non si potrà mai fare a meno del tutto” Le organizzazioni e movimenti repubblicati impegnati nelle campagne a sostegno dei pows e i prigionieri stessi che

Continua a leggere

RISCHIO NAUFRAGIO PER GLI ACCORDI DI MAGHABERRY

I prigionieri repubblicani denunciano violazione degli accordi da parte del Prison Officers Association Il gruppo a sostegno di Colin Duffy, si fa portavoce delle denuncia dei prigionieri repubblicani rinchiusi a Maghaberry in relazione all’inadempimento da parte degli ufficiali carcerari degli accordi sigliati il 12 agosto scorso, con cui si era scritto la parola ‘fine’ alla dirty protest, portata avanti fino

Continua a leggere

MAGHABERRY, GRIDO DI ALLARME DI UN COMITATO IN SUPPORTO AI PRIGIONIERI

Violento pestaggio subito dal prigioniero Harry Fitzsimmons, prima di essere trascinato in cella di isolamento Un comitato formato da familiari e amici di prigionieri rinchiusi a Maghaberry, nonchè da ex pows, ha rilasciato un comunicato dopo l’avvenuto pestaggio di Harry Fitzsimmons, in data 6 maggio. Il prigioniero è stato trascinato fuori dalla cella, picchiato a sangue dai secondini e segregato

Continua a leggere

GLI UFFICIALI CARCERARI VERSO LO SCIOPERO

Gli ufficiali carcerari si sono espressi favorevolmente ad un’escalation della loro azione, che potrebbe portarli allo sciopero. I fatti si riferiscono alle controversie nate dopo il suicidio di Colin Bell, avvenuto nella prigione di Maghaberry, nell’agosto dello scorso anno. Il detenuto si trovava sotto stretta sorveglianza visto la sua tendenza autolesionista, ma al momento del suicidio è stato rivelato che

Continua a leggere