MINACCIA LEALISTA CONTRO IL NEO ELETTO SINDACO DI BELFAST, JOHN FINUCANE

Il neo eletto sindaco di Belfast ha raccontato di come la polizia lo ha avvertito del piano lealista di attaccarlo presso la sua residenza

John Finucane, esponente dello Sinn Fein è stato eletto sindaco martedì sera, 21 maggio, e ha rivelato che la PSNI la notte stessa lo ha informato della minaccia.

Il trentasettenne, padre di quattro figli, ha la stessa età di quando suo padre, l’avvocato cattolico assassinato Pat Finucane, fu ucciso dai lealisti durante i Troubles.

John Finucane ha dichiarato che non cederà alle intimidazioni.

In una dichiarazione di oggi, ha affermato: “La scorsa notte la PSNI è venuta a casa mia per dirmi che i lealisti hanno minacciato di attaccarmi nella mia dimora di famiglia.”

“Mi impegno a servire e rappresentare tutte le persone di questa città e non mi farò scoraggiare da minacce provenienti da chicchessia”.

“Questa non è solo una minaccia nei miei confronti, ma è anche una minaccia contro la democrazia”.

Gerry Kelly, MLA dello Sinn Fein ha dichiarato: “Questa riprovevole minaccia contro John Finucane deve essere condannata”.

“Il riferimento alla sua casa di famiglia era chiaramente intenzionale, dato che questo è il luogo dove suo padre fu assassinato dai lealisti”.

“È un tentativo vigliacco di intimidire il neo-eletto primo cittadino di Belfast, e nonostante questa sia un’esperienza traumatica per John e la sua famiglia, so che non sarà scoraggiato dal rappresentare tutti come Ard Mhéara.”

Tratto da 4NI.uk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.