PREMIO INTERNAZIONALE CITTA’ DI CASSINO A “IL DIARIO DI BOBBY SANDS”

Premio Internazionale Città di Cassino 2013” al libro “Il diario di Bobby Sands. Storia di un ragazzo irlandese”, di Silvia Calamati, Laurence McKeown e Denis O’Hearn. Il premio verrà assegnato il 19 ottobre

Il libro “Il diario di Bobby Sands. Storia di un ragazzo irlandese” (Castelvecchi), di Silvia Calamati, Laurence McKeown e Denis O’Hearn, ha vinto il “Premio internazionale Città di Cassino 2013”.

Già vincitore a Modena del “Premio Alessandro Tassoni 2011”, il libro, scritto da Calamati assieme a Laurence McKeown (ex prigioniero irlandese e oggi sceneggiatore e scrittore) e al professore universitario di New York Denis O’Hearn, narra la vicenda di Bobby Sands, il giovane prigioniero repubblicano irlandese che, nel 1981, assieme ad altri nove giovani detenuti, si lasciò morire di fame nel carcere di Long Kesh, a pochi chilometri da Belfast, nel tentativo di ottenere lo status politico.

Organizzato dall’Associazione culturale “Letterature dal Fronte”, il Premio è rivolto autori che hanno narrato storie e  avvenimenti riguardanti  Paesi europei e città che, come Cassino, hanno conosciuto gli orrori della guerra e della repressione.

Lo scopo letterario del Premio è quello di esaminare il rapporto tra letteratura e avvenimenti bellici, con particolare rilievo agli aspetti storici e umani delle opere.

L’edizione 2012/2013 del premio è stata dedicata alla letteratura irlandese. Centinaia di studenti degli istituti superiori della città di Cassino e le “giurie territoriali” del Premio, sparse in tutta Italia (Roma, Trieste, Cassino e Pico) hanno visionato quattro opere riferentisi all’Irlanda e alla sua storia.

Gli altri tre libri finalisti portavano la firma del Premio Nobel per la letteratura Seamus Heaney, recentemente scomparso (Fuori campo, poesie scritte ha scritto all’indomani della tragedia dell’11 settembre, pubblicate da Interlinea) e di due autori irlandesi conosciuti in tutto il mondo: Roddy Doyle (Una vita da eroe) e Joseph O’Connor, fratello della cantante irlandese Sinead O’Connor (Stella di mare).

In questi anni vincitori del Premio sono stati, tra gli altri, Mario Rigoni Stern e l’ungherese Imre Kertész, Premio Nobel per la letteratura (2006), il polacco Wojciech Jagielski (2007), lo scrittore portoghese Mário de Carvalho (2008), il bosniaco Milijenko Jerkovic (2009), il tedesco Jaboc Hein (2010).

Nella motivazione del Premio così si legge: “Agli autori va il merito di aver disvelato un capitolo drammatico della nostra storia europea, di averlo fatto con la freschezza del linguaggio dei giovani senza nascondere la crudezza dei fatti, di aver avuto il coraggio di incidere nella piaga ancora sanguinante di una dura contrapposizione, con le istituzioni britanniche, durata circa un secolo, all’interno di una stessa popolazione, dentro il cuore di cittadini di una stessa terra”.

Il Diario di Bobby Sands. Storia di un ragazzo irlandese


Silva Calamati
E’ autrice di “Irlanda del Nord. Una colonia in Europa”, “Le compagne di Bobby Sands. Le donne e la guerra in Irlanda del Nord” (Castelvecchi, tradotto in inglese, spagnolo e gaelico) e “Qui Belfast. Storia contemporanea della guerra in Irlanda del Nord” (2013, Castelvecchi).
Sue sono anche le traduzioni “Un giorno della mia vita”, di Bobby Sands (Feltrinelli) e “Guerra e liberazione in Irlanda. La chiesa del conflitto”, di padre Joseph McVeigh.
Nel 2002 ha ricevuto a Belfast il premio internazionale TOM COX AWARD per il suo impegno di giornalista e scrittrice.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...