CRISI LIBICA. LO SINN FEIN CONDANNA L’EX SOSTENITORE DELL’IRA, GHEDDAFI

Il partito repubblicano si unisce al coro mondiale di condanna alla follia del Rais, che sta sterminando la sua gente e distruggendo il suo Paese

Libia in ginocchio per le stesse mani del suo Dittatore, che si è macchiato nelle ultime ore di migliaia di morti tra la popolazione civile. Un genocidio.
Anche lo Sinn Fein non ha potuto non aderire al coro unanime di condanna a Gheddafi, di cui tutti invocano un barlume di lucidità che lo porti a decidere per le dimissioni.
Una presa di posizione, quella dello Sinn Fein, che risulta essere di maggior spessore se si pensa al ruolo rivestito dal Rais, negli anni in cui l’IRA era a tutti gli effetti uno degli eserciti meglio organizzati al mondo, anche grazie ai finanziamenti ricevuti dalla Libia tra gli anni ’70 e ’80.
Un portavoce dello Sinn Fein, ha dichiarato: “Siamo contrari a questi regimi assolutistici.
“Il suo sostegno alla causa repubblicana in passato, è irrilevante.”
“Quello che vediamo ora, è la gente massacrata nelle proprie strade, come fece l’esercito britannico sparando sui manifestanti irlandesi nelle strade della loro città di origine, come nel caso della Bloody Sunday”.
Il connubio tra Libia e IRA ebbe inizio nel 1971, quando Gheddafi vide Joe Cahill, e poi il suo Capo di Stato Maggiore, fare una provocatoria conferenza stampa televisiva, in cui  sostenevano che solo 30 membri dell’IRA erano stati arrestati in applicazione della legge sull’internamento.
Gheddafi portò Cahill a Tripoli, la capitale libica, per organizzare la fornitura di armi e denaro.
Nle 1973, Cahill venne arrestato a bordo di una MV Claudia con cinque tonnellate di armi libiche. Le spedizioni più significative furono le armi consegnate nel 1986, dopo che gli Stati Uniti accusarono Gheddafi di sponsorizzare un attacco a soldati americani in Germania e bombardarono Tripoli dalle basi britanniche.
Furono uccisi 60 libici e Nasser Al-Ashour, un agente di intelligence libica, si mise nuovamente in contatto con l’IRA. Questa volta, fino a 400 tonnellate di armi furono sbarcate in tre spedizioni, prima che l’ultima partita di 120 tonnellate fu sequestrata, quando la MV Eksund venne intercettata mentre stava attraversando il golfo di Biscaglia nel 1987.
Le armi e le munizioni che erano già sbarcati, tra cui mitragliatrici pesanti e Semtex, equipaggiarono militarmente l’IRA per il resto della sua campagna.

Vodpod videos no longer available.

Sinn Fein in Gaddafi U-turn: Despot who backed IRA denounced by republicans (Belfast Telegraph)
Sinn Fein has called on embattled Libyan dictator Muammar Gaddafi to step down and allow an election to take place.
The statement formally ends a long-standing alliance between the Libyan ruler and the republican movement, which he armed and funded in the 1970s/80s.
A Sinn Fein spokesman declared: “We are opposed to these absolutist regimes.
“His support of the republican cause in the past is irrelevant.
“What you have now is people being shot down in their own streets just as the British shot Irish protesters on the streets of their home towns, for instance on Bloody Sunday.”
Gaddafi, who deposed King Idris of Libya in a bloodless coup in 1969, started supporting the IRA in August 1971 after he saw Joe Cahill, then its chief of staff, give a defiant televised Press conference in which he said only 30 IRA members had been arrested in the internment swoops.
Regarding the IRA as an enemy of colonialism, he started supplying it with weapons.
Gaddafi brought Cahill to Tripoli, the Libyan capital, to arrange the supply of arms and money.
Cahill was arrested aboard the MV Claudia with five tons of Libyan weapons in 1973. The most significant arms shipments were delivered in 1986 after the US accused Gaddafi of sponsoring an attack on American soldiers in Germany and bombed Tripoli from bases in Britain.
Around 60 Libyans were killed and Nasser Al-Ashour, a Libyan intelligence agent, again made contact with the IRA. This time up to 400 tons of weapons were landed in three shipments before the final consignment of 120 tons was seized when the MV Eksund was intercepted crossing the Bay of Biscay by French Customs in 1987.
The weapons and munitions which had already landed, including heavy machine-guns and Semtex explosives, equipped the IRA for the remainder of its campaign.
Later Gaddafi made peace with Britain and gave complete inventories to the UK authorities of the arms he had supplied.
Relations improved so much that PSNI officers were sent to train Libyan police in counter-insurgency methods, which may well now be used against demonstrators.
Last night Amnesty International called on the PSNI to reconsider counter-terrorism training to absolutist regimes like Libya and Bahrain.
Gaddafi and his son Saif had also entered British Government-sponsored talks on possible compensation and peace-building payments to Northern Ireland.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.