ESCLUSIVA. DODICI DOMADE A DES DALTON, LEADER DEL REPUBLICAN SINN FEIN

The Five Demands Exclusive. Interview to  Des Dalton – president of Republican Sinn Fein and a prominent Irish republican – by Flavio Bacci

(Traduzione in lingua italiana qui)

F.B. First of all, The Five Demands thanks Des Dalton, President of the Republican Sinn Fein, for having devoted his precious time to answer these questions

1)The Republican Sinn Fein was born during the 1986 Ard-Fheis in the wake of two long-time Republicans (Daithi Ó Conaill and Ruairi Ó Brádaigh). Since then, the RSF has had a long history. What are the values that still are central to you and your party?

D.D. First of all I think it is important to point out that Republican Sinn Féin’s history goes back much further than 1986. Ruairí Ó Brádaigh, Daithi Ó Conaill and the others who walked out of the Ard Fheis in the Mansion House in Dublin in 1986  brought with them intact the constitution of Sinn Féin. Those who had supported the decision to take seats in the 26-County Assembly in Leinster House had breached this constitution. Sinn Féin was reorganised under a Revolutionary Republican leadership. On this basis Republican Sinn Féin trace our history back to 1905.

Our values are set out clearly in the constitution of Sinn Féin:

(A) The complete overthrow of British rule in Ireland, and the establishment of a Federal Democratic Socialist Republic based on the Proclamation of 1916.
(B) To bring the Proclamation of the Republic, Easter 1916, into effective operation and to maintain and consolidate the Government of the Republic, representative of the people of all Ireland, based on that Proclamation.
(C) To establish in the Republic a reign of social justice based on Irish Republican socialist principles in accordance with the Proclamation of the Republic of 1916 and the Democratic Programme of the First Dáil Éireann in 1919 and by a just distribution of the nation’s wealth and resources, and to institute a system of government suited to the particular needs of the people.
(D) To establish the Irish language as the primary means of communication in the Republic, to teach Irish history in such a way as will foster a pride in our cultural heritage and a sense of rights and responsibilities in our people as citizens of the Republic.”

We do not view ourselves as a mere political party but rather as a political movement. At a time when the Irish people are faced with huge political, social and economic breakdown we believe we are best equipped to provide the revolutionary leadership the situation demands. Further we believe that our political, social and economic proposals ÉIRE NUA and SAOL NUA, can in the words of our constitution, bring the Proclamation of 1916: “into effective operation”.
We also believe that the struggle for a free Ireland is part of the international struggle against imperialism. Our worldview has led Republican Sinn Féin to forge links with national liberation movements throughout the world. Republican Sinn Féin were the first to protest in Ireland at the use of Shannon airport in 1991 by US warplanes in the first Gulf War. A blow against British occupation in Ireland is a no different to a blow against the occupation of Palestine, Iraq or Afghanisatn.

F.B. 2)January 30 1972, Bloody Sunday. Many consider the Saville Inquiry as a victory of justice. Do you agree?

D.D. The acknowledgement by the long awaited ‘Saville Inquiry’ that the 14 people murdered on ‘Bloody Sunday’ in Derry on January 30 1972 were innocent Civil Rights marchers was welcome. However it fails on the crucial question of the responsibility of the British state for the murders.
The belated acknowledgement of the innocence of those murdered and injured on ‘Bloody Sunday’ was certainly welcome for the families of the victims but the Inquiry failed the critical test of identifying the responsibility of the British State for the murder of unarmed Irish people on the streets of their own city.
The ‘Saville Inquiry’ lays sole responsibility for the murders on the British soldiers who fired the shots on ‘Bloody Sunday’ and their commanding officer. This is a cop-out and ignores the chain of command both political and military, which pitted assault troops such as the British Army’s Parachute Regiment against a peaceful anti-internment march. In August of the previous year over three days the same notorious British Army regiment murdered 11 people in Belfast.
‘Bloody Sunday’ was the true face of British rule in Ireland and the true face of imperialism as experienced today at the hands of the same army by the people of Iraq and Afghanistan.
Three times in the 20th Century the forces of British occupation have visited a ‘Bloody Sunday’ on the Irish people. While British rule remains in Ireland the possibility of yet another will always exist.
The British Government’s apology for the murders of ‘Bloody Sunday’ is meaningless while it continues to occupy Ireland. A just and lasting peace can only come following a British withdrawal and the creation of a New Ireland built by all of the Irish people Protestant, Catholic and Dissenter.
It has been announced that the ‘Bloody Sunday’ march in Derry on Sunday January 30 was to be the last such event. This has caused division among the families and those who believe that Saville does not resolves all the questions surrounding the deaths on ‘Bloody Sunday’. Many see the decision to end the march as one that has been made by the political establishment in Stormont and the British Government to airbrush the murders of 14 people by the British army and remove any reminder of it from the streets of Derry.
Republican Sinn Féin have publicly backed those families who have said they will continue the annual ‘Bloody Sunday’ march in Derry.

F.B. 3)The British and foreign press tend to marginalize the RSF, and only speak of your connections with dissident attacks. Do you believe that your positions are clear or are they misunderstood by a large part of the public?

D.D.We certainly believe we have made our positions very clear however it is true that because of state directed media censorship what we have to say is either not heard or misunderstood. For instance we are rarely given space to speak about our alternative to continued British rule and the partition of Ireland. We have a lot to say about all the issues both  political and economic but this is seldom reflected in the media coverage we receive. Off course this is a deliberate policy to cast Irish Republican opposition to British occupation as being without an alternative to the 1998 Stormont Agreement or indeed any coherent political programme.
The use of other forms of media such as the internet and public activities are essential in getting our message direct to the people. Off course our monthly newspaper SAOIRSE is absolutely vital in explaining our positions and policies.

F.B. 4)The riots are often described by the Press as an explosion of unprecedented violence by thugs. In the RSF April 2010 Statement it was written: For their part, the Republican youth has given the RUC/PSNI their response on the streets of many towns in the occupied area. We appreciate their actions. Would you explain the reason and
purpose of these riots?

D.D. The ongoing resistance of young people in Lurgan, Craigavon, Ardoyne in Belfast and other parts of the Six Counties are a direct consequence of British military and police repression in their areas. Communities such as Lurgan and Craigavon are under siege from the British Colonial Police. People are subject to house raids, arrests ,ongoing surveillance and harassment. This resistance off course exposes the lie that British rule is now accepted and normal in Ireland. Because of this the political establishments in Stormont, Leinster House (The Assembly of the southern 26-County state) and Westminster have dismissed these young people as ‘thugs’ and ‘anti-social elements’.
To do so off course ignores the political reality that there is a section of the Irish people who will never accept British rule. The editorial of SAOIRSE in April of last year had this to say: “A new generation of people who continue to resist British rule on the ground  have been dismissed as ‘disaffected youth without either aspiration or hope’ by one commentator. It is nothing new to dismiss young Republicans in such terms. Over the decades the idealism and belief of each new risen generation has been dismissed in similar terms as a means of denying the legitimacy of the Irish Republican demand for a free Ireland. Such denial does a disservice to the idealism and hope of young Irish people for a New Ireland.”

F.B. 5)It is clear that the unionist world represented an obstacle for the Irish reunification. However, is the unionist veto the real enemy of Republicanism today?

D.D. The unionist veto remains the biggest obstacle to a just and lasting settlement. Any agreement, which is based on partition is fundamentally undemocratic. It is the British Government who imposed the unionist veto and continues to do so up to the present day. The sole responsibility for the ‘unionist veto’ lies with the British Government.
Removing the British Government’s prop of the unionist veto and establishing All-Ireland democracy is the only viable way forward. We do not view the unionist community as an enemy, they are an integral part of the Irish nation. Historically they have been used as pawns in the British party political system.
In the British General election last year the British Conservative Party engaged in secret talks with the three main strands of unionism to form an electoral pact. Not for the first time have the British Tories played the ‘Orange Card’ for their own narrow interests of securing political power in the British Parliament in Westminster.  Irish Republicans point out to unionists their future is within the Irish nation where as equals they can join in the building of a New Ireland.
Allowing all the people of Ireland – acting as a unit – to determine the shape of a New Ireland is the only basis for a lasting settlement. For this the British Government must give a public declaration of their intention to withdraw from Ireland. The proposals set out in EIRE NUA enshrine the sovereignty of all of the Irish people, Protestant, Catholic and Dissenter. EIRE NUA empowers every section of the Irish people and is in stark contrast to British rule where they mere pawns in the bigger British party political game. Instead of being victims of a system over which they have no control they can be free citizens in a new democratic Ireland.

F.B. 6)What do you think about the candidacy of Gerry Adams in twenty-six counties?

D.D.That is an internal decision of the Provisionals and so a matter for them. We see the 26-County election as irrelevant as it will merely change the politicians who are administering a failed and corrupt system. All the key economic decisions are now effectively decided according to the terms set by the IMF/ECB and EU Commission bailout of the 26-County state. It is the system which must be changed if real Irish political and economic sovereignty is to be achieved

F.B. 7)In the past there have been attempts of rapprochement between the SF leadership and the Republican movements. What is the attitude of the RSF to these hypothetical discussion boards?

D.D. Republican Sinn Féin has not engaged in any talks with the Provisionals. They are now administering British rule in Ireland and so there is no basis for any discussion. Also we have not engaged in any talks with either the British Government or the 26-County administration in Dublin. The only basis on which the leaders of Republican Ireland will engage in talks with the British Government will be to secure a full British withdrawal from Ireland. We cannot be any clearer.

F.B. 8 ) Although officially rejecting any connection with the CIRA, at the same time, your party do not condemn their violence. Is it right?

D.D. We uphold the right of the people of Ireland to engage in armed struggle in defence of their right to national freedom. This is a right common to all nations who are resisting attack or occupation and we believe the Irish people should have no less a right to resist British occupation than say the people in Palestine against Israeli occupation.
The lesson of Irish history is that as long as there is British occupation in Ireland there will always be people prepared to oppose it. This continues to be borne out today with increased attacks on British forces. Those who ignore this reality are condemning this and future generations to continuing conflict. Irish Republicans want to see a peaceful settlement but this requires a display of will on the part of the British Government to withdraw its military and political presence and allow all of the Irish people to build a New Ireland.

F.B. 9)The Republicans are divided among many denominations: 32 CSM, RSF, Eirigi, IRSP etc. What sets you apart from other republican voices? What kind of relationship you have with other them?

D.D. We in Republican Sinn Féin are the political face of revolutionary Irish Republicanism. We are part of a movement for national liberation, which stretches back 220 years. And as a political organisation our continuity is unbroken since 1905.
Our position is based on the foundation stones of Irish democracy, the 1916 Proclamation, the First All-Ireland Dáil Éireann ( Irish Parliament) elected in the 1918 General Election (The last All-Ireland election). The Democratic Programme of the First Dáil and Declaration of Independence. We remain the only political organisation, which still stands unequivocally by the All-Ireland Republic, rejecting completely both partitionist  states. We have never in our history abandoned that position. This is what makes Republican Sinn Féin unique as a political organisation.
Our focus is on engaging with a new generation of Irish people so that we can build a strong united movement capable of delivering a free Ireland based on those solid foundations of principled Irish Republicanism.

F.B. 10)Your party has long regarded the plan Eire Nua as central. Is that still true?

D.D. Off course, I think you can see that from my previous answers. Éire Nua is the only credible alternative, which has been put forward to British rule and partition. Today the economic and political crisis in the 26 Counties have reinforced the failure of the political structures imposed on Ireland by Britain in 1921. Éire Nua brings decision making right down to the lowest possible level. This means horizontal democracy rather than a vertical or top down model. This builds on the All-Ireland Republic set out in the 1916 Proclamation. Together with our social and economic programme Saol Nua -which is based Republican, Socialist, and Self-reliance and Ecological principles – they are a blueprint for an All-Ireland Federal Democratic Socialist Republic based on real political and economic democracy.

F.B. 11) Do you believe that the RSF should be blamed for any mistakes
during its history?

D.D. I am sure Republican Sinn Féin like any organisation or indeed person has made mistakes in its past. We cannot change what has happened but only learn from them and look to the future because we have a lot of work to do.

F.B. 12)The Republican Sinn Fein is an abstensionist party. What is the meaning of abstention today? Why should a voter support RSF candidates if they will not sit in Stormont?

D.D. Stormont is an obstacle on the road to a free Ireland just the same as the 26-County assembly in Leinster House. If we are to learn anything from our history it is that you cannot be both constitutional and revolutionary. If you enter either of those assemblies you must accept the very basis on which they were established which is the partition of Ireland. This leads only to a reformist dead end. Revolutionary change does not come from such assemblies it only comes by building a strong revolutionary movement mobilising the people to a point where these obstacles can be removed paving the way for a New Ireland. That is when the real work of liberation will begin.

(We would like to thank you Mr. Massimiliano Vitelli – Italian RSF spokesperson – for his collaboration)

Traduzione in lingua italiana

In esclusiva per The Five Demands, Des Dalton – attuale presidente del Republican Sinn Fèin e figura di primissimo piano del repubblicanesimo irlandese – risponde alle domande di Flavio Bacci


F.B. Innanzitutto The Five Demands ringrazia Des Dalton, presidente del Republican Sinn Fein, per aver dedicato il suo prezioso tempo a rispondere a queste domande

Il Republican Sinn Fein nacque durante l’Ard-Fheis del 1986 sulla spinta di due repubblicani di lungo corso (Dáithí Ó Conaill e Ruairí Ó Brádaigh). Da allora il RSF ha fatto molta strada. Quali sono i valori che rimangono centrali per te e per il tuo partito?

D.D.1) Innanzitutto ritengo importante sottolineare come la storia del Republican Sinn Féin vada ben oltre il 1986. Ruairí Ó Brádaigh, Daithi Ó Conaill e gli altri che nel 1986 abbandonarono l’Ard Fheis alla Mansion House di Dublino portarono con se la costituzione intatta dello Sinn Féin. Coloro che hanno appoggiato la decisione di sedersi all’Assemblea delle 26 contee (ndr il parlamento dell’Eire) alla Leinster House hanno violato questa costituzione. Lo Sinn Féin é stato riorganizzato con una leadership repubblicana e rivoluzionaria. Su queste basi il Republican Sinn Féin fa risalire la propria storia al 1905.
I nostri valori sono esposti chiaramente nella costituzione dello Sinn Féin:

(A) Il rovesciamento completo del dominio britannico in Irlanda e la creazione di una Repubblica Socialista Federale e Democratica basata sulla proclamazione del 1916.
(B) Rendere effettiva la Proclamazione della Repubblica, (Pasqua 1916). Mantenere e consolidare il governo della Repubblica, rappresentativo del popolo di tutta l’Irlanda, in base a tale proclamazione.
(C) Stabilire nella Repubblica un regno di giustizia sociale, sulla base dei princípi repubblicani socialisti irlandesi ed in conformità con la Proclamazione della Repubblica del 1916 e del Programma Democratico del primo Dáil Éireann (ndr il parlamento) del 1919. Ridistribuire in maniera giusta la ricchezza e le risorse della nazione. Istituire un sistema di governo adeguato alle particolari esigenze del popolo.
(D) Instaurare nella Repubblica la lingua irlandese come mezzo principale di comunicazione, insegnare la storia irlandese in modo da incoraggiare l’orgoglio per il nostro patrimonio culturale e il senso di diritti e doveri nel nostro popolo, come cittadini della Repubblica “.

Noi non ci consideriamo un semplice partito politico, piuttosto un movimento politico. Nel momento in cui il popolo irlandese si trova ad affrontare enormi cambiamenti politici, sociali ed economici, crediamo di essere ben attrezzati a fornire la direzione rivoluzionaria che la situazione richiede. Inoltre riteniamo che le nostre proposte politiche, sociali ed economiche EIRE NUA e SAOL NUA, possano, come scritto nella nostra Costituzione, “rendere effettiva” la Proclamazione 1916.
Siamo anche convinti che la lotta per una libera Irlanda faccia parte dell’impegno internazionale contro l’imperialismo. La nostra visione del panorama politico internazionale ha portato il Republican Sinn Féin a stabilire legami con movimenti di liberazione nazionale in tutto il mondo. I membri del Republican Sinn Féin furono i primi a protestare in Irlanda contro l’utilizzo dell’aeroporto di Shannon nel 1991 da parte di aerei da guerra degli Stati Uniti nella prima guerra del Golfo. Un colpo contro l’occupazione britannica in Irlanda non è diverso da un colpo contro l’occupazione della Palestina, dell’Iraq o dell’Afghanistan.

F.B. 2) Domenica 30 gennaio Bloody Sunday. Molti considerano la Saville Inquiry come una vittoria della giustizia. Siete soddisfatti?

D.D. Il riconoscimento da parte della tanto attesa ‘Saville Inquiry’ che le 14 persone uccise nella ‘Bloody Sunday’ a Derry, il 30 gennaio 1972, fossero innocenti che manifestavano per i diritti civili è stato il benvenuto. Tuttavia esso non scioglie la questione cruciale della responsabilità dello Stato britannico per gli omicidi. Il riconoscimento tardivo della innocenza delle persone uccise e ferite nella ‘Bloody Sunday’ é stato certamente gradito alle famiglie delle vittime, ma l’inchiesta ha fallito nella prova critica dell’individuazione delle responsabilità dello Stato inglese per l’uccisione di inermi cittadini irlandesi per le strade della propria città. La ‘Saville Inquiry’ scarica la responsabilità degli omicidi esclusivamente sui soldati britannici che hanno sparato durante la ‘Bloody Sunday’ e sul loro comandante. Questa è una scappatoia e ignora la linea di comando sia politico che militare, che coprì attacchi delle truppe come quello del Reggimento Paracadutisti dell’Esercito Britannico contro una pacifica marcia anti-internamento. Nel mese di agosto dell’anno prima in tre giorni lo stesso famigerato reggimento dell’esercito britannico uccise 11 persone a Belfast. La ‘Bloody Sunday’ é stata il vero volto del dominio britannico in Irlanda e il vero volto dell’imperialismo come oggi stanno sperimentando i popoli di Iraq e Afghanistan.
Tre volte nel ventesimo secolo le forze di occupazione britanniche hanno perpetrato una ‘Bloody Sunday’ sul popolo irlandese. Dal momento che il dominio britannico continua ad esistere in Irlanda, permane la possibilità che possa verificarsene un’altra. (ndr Bloody Sunday). Le scuse del governo britannico per gli omicidi della ‘Bloody Sunday’ sono prive di senso mentre continua ad occupare l’Irlanda. Una pace giusta e duratura può arrivare solo in seguito ad un ritiro britannico e alla creazione di una nuova Irlanda da parte di tutto il popolo irlandese: protestanti, cattolici e chi si identifica in altri credi religiosi. E ‘stato annunciato che la marcia per la commemorazione della ‘Bloody Sunday’ a Derry di domenica 30 Gennaio 2011 doveva essere l’ultimo evento di questo tipo. Questo ha causato divisioni tra le famiglie e tra coloro che credono che la Saville (ndr Inquiry) non risolva tutte i nodi sulle morti della ‘Bloody Sunday’. Molti considerano la decisione di mettere fine alla marcia come un tentativo dell’establishment politica di Stormont e del governo britannico di coprire gli omicidi delle 14 persone da parte dell’esercito britannico e rimuoverne ogni ricordo per le strade di Derry. Il Republican Sinn Féin ha pubblicamente sostenuto le famiglie che hanno dichiarato di voler continuare la marcia annuale di ‘Bloody Sunday’ a Derry.

F.B. 3) La stampa britannica ed estera tende ad emarginarvi e parla di voi solo in connessione di attacchi dissidenti. Credi che le vostre posizioni siano chiare o che siano fraintese dalla maggioranza del pubblico?

D.D. Crediamo certamente di aver reso le nostre posizioni molto chiare, è tuttavia vero che a causa della censura da parte dei media di Stato quello che abbiamo da dire o non è ascoltato o è frainteso. Per esempio ci è stato raramente dato spazio per parlare della nostra alternativa al prolungamento del dominio britannico e alla divisione dell’Irlanda. Abbiamo molto da dire su ogni tipo di questione: sia politiche che economiche, ma questo è raramente contenuto nello spazio che i media ci riservano. Naturalmente questa è una deliberata politica per relegare l’opposizione repubblicana irlandese all’occupazione inglese come senza alternativa all’accordo di Stormont del 1998 o senza qualsiasi programma politico coerente. L’uso di altri tipi di media quali internet e le pubbliche attività sono essenziali nel diffondere il nostro messaggio direttamente al popolo. Ovviamente il nostro quotidiano mensile Saoirse è di vitale importanza per spiegare le nostre posizioni e le nostre politiche.

F.B. 4) I riots di Ardoyne ed in generale di tutte le sei contee sono descritte come esplosioni di inaudita violenza da parte di teppisti. Nello Statement di Aprile 2010 si legge : For their part, the Republican youth has given the RUC/PSNI their response on the streets of many towns in the occupied area. We appreciate their actions. Vorrebbe spiegarci i motivi e le finalità dei riots?

D.D. La resistenza dei giovani in corso a Lurgan, Craigavon, Ardoyne in Belfast e in altre parti delle sei contee (ndr Il nord dell’Irlanda sotto il controllo britannico) sono una conseguenza diretta della repressione militare britannica e della polizia nelle loro aree. Comunità come Lurgan e Craigavon sono sotto assedio dalla polizia coloniale britannica. I repubblicani sono soggetti a perquisizioni, arresti, a sorveglianza permanente e a molestie. Questa resistenza rende chiara la menzogna che il dominio britannico è ora accettato e normale in Irlanda. A causa di ciò le istituzioni politiche a Stormont, Leinster House (l’assemblea delle 26 contee meridionali) e Westminster hanno bandito questi giovani come ‘teppisti’e ‘elementi anti-sociali’. Per farlo ovviamente si ignora la realtà politica che vige in una parte del popolo irlandese, che non potrà mai accettare il dominio britannico. L’editoriale di Saoirse nel mese di aprile dello scorso anno ebbe a dire: “Una nuova generazione di persone che continuano a resistere alla dominazione britannica sul campo sono stati banditi come ‘ giovani insoddisfatti senza aspirazione o speranza ‘ da un commentatore. Non è una novità descrivere i giovani repubblicani in questi termini. Nel corso dei decenni l’idealismo e la fede di ogni nuova generazione nascente è stata licenziata in termini simili come mezzo per negare la legittimità della richiesta repubblicana irlandese per un libera Irlanda. Tale rifiuto è un danno per l’idealismo e la speranza dei giovani irlandesi per una Nuova Irlanda. “

F.B. 5) E’ chiaro che il mondo unionista rappresenti un ostacolo alla riunificazione irlandese. Ma l’unionist veto è davvero il vero nemico del repubblicanesimo oggi?

Il veto unionista resta il più grande ostacolo ad una soluzione giusta e duratura. Ogni accordo che si basa sulla partizione è fondamentalmente antidemocratico. E ‘il governo britannico che ha imposto il veto unionista e che continua a farlo ancora oggi. Quindi la responsabilità per il ‘ veto unionista ‘ é unicamente del governo britannico. Rimuovere il sostegno del governo britannico al veto unionista e l’istituzione democrazia irlandese comprendente tutta l’isola è l’unica via percorribile. Noi non pensiamo alla comunità unionista come ad un nemico, sono parte integrante della nazione irlandese. Storicamente sono stati usati come pedine nel sistema partitico politico britannico. Nelle elezioni generali britanniche lo scorso anno il partito conservatore britannico è stato impegnato in colloqui segreti con i tre filoni principali dell’unionismo per formare un patto elettorale. Non è stata la prima volta che i conservatori britannici hanno giocato la ‘Card Orange’ per i propri meschini interessi e per assicurarsi il potere politico all’interno del Parlamento britannico di Westminster. I repubblicani irlandesi mostrano agli unionisti che il loro futuro è all’interno della nazione irlandese dove, con i loro stessi diritti, possono partecipare alla costruzione di una Nuova Irlanda.
Permettere a tutto il popolo d’Irlanda – agendo come un’unità – di determinare la forma di una Nuova Irlanda è l’unica base per una soluzione duratura. Per questo il governo britannico deve fornire una dichiarazione pubblica esprimendo l’intenzione di ritirarsi dall’Irlanda. Le proposte esposte in EIRE NUA custodiscono la sovranità di tutto il popolo irlandese: protestante, cattolico e chi si identifica in altri credi religiosi. EIRE NUA conferisce potere ad ogni gruppo del popolo irlandese, ed è in netto contrasto con il dominio britannico in cui essi sono pedine nel gioco del più grande partito politico britannico. Invece di essere vittime di un sistema su cui non hanno nessun controllo, possono essere liberi cittadini in una nuova, democratica Irlanda.

F.B. 6) Cosa pensi della recente candidatura di Adams nel Sud?

D.D. Questa è una decisione interna ai Provisionals e quindi una loro questione. Noi consideriamo le elezioni delle ventisei contee come irrilevanti in quanto si limitano a cambiare i politici che amministrano un sistema fallito e corrotto. Tutte le decisioni economiche fondamentali sono adesso di fatto decise secondo i termini fissati dal salvataggio delle ventisei contee da parte del FMI / BCE e della Commissione UE. E ‘ il sistema che deve essere cambiato se é la reale sovranità politica ed economica ed irlandese a dover essere raggiunta.

F.B. 7) In passato ci sono stati tentativi di avvicinamento tra la leadership dello SF e i movimenti repubblicani. Qual è l’atteggiamento del RSF nei confronti di questi ipotetici tavoli di discussione?

D.D. Il Republican Sinn Féin non ha partecipato ad alcun colloquio con i Provisionals. Essi stanno ora amministrando il dominio britannico in Irlanda e quindi non c’è alcuna base per qualsiasi tipo di discussione. Inoltre non siamo impegnati in nessun colloquio ne con il governo britannico, ne con l’amministrazione delle 26-Contee a Dublino. L’unica base su cui i leader dei repubblicani in Irlanda si potranno impegnare in colloqui con il governo britannico sarà quello di garantire un completo ritiro inglese dall’Irlanda. Non possiamo essere più chiari di così.

F.B. 8 ) Sebbene ufficialmente respingiate ogni collegamento con la CIRA, non condannate la loro violenza. E’ giusto?

D.D. Noi sosteniamo il diritto del popolo irlandese all’impegno nella lotta armata in difesa della sua ragione alla libertà nazionale. Questo è un diritto comune a tutte le nazioni che si stanno opponendo ad un attacco o all’occupazione e crediamo che il popolo irlandese non debba essere da meno nell’avere questo diritto a resistere all’occupazione britannica, come sta facendo il popolo palestinese contro l’occupazione israeliana.
La lezione dalla storia irlandese è che finché c’è l’occupazione britannica in Irlanda ci sarà sempre gente pronta a opporsi. Questo continua ad essere confermato oggi con l’aumento degli attacchi contro le forze britanniche. Coloro che ignorano questa realtà stanno condannando le generazioni attuali e future alla continuazione del conflitto. I Repubblicani irlandesi vogliono ottenere una soluzione pacifica, ma ciò richiede una dimostrazione di volontà da parte del governo britannico di ritirare la sua presenza militare e politica. Solo ciò può permettere a tutto il popolo irlandese di costruire una Irlanda nuova.

F.B. 9) I repubblicani sono divisi tra molte sigle: 32csm, RSF, Eirigi, IRSP etc, cosa davvero vi distingue? Che tipo di rapporti avete con gli altri movimenti repubblicani?

D.D. Noi del Republican Sinn Féin siamo il volto politico del repubblicanesimo rivoluzionario irlandese. Noi siamo parte di un movimento di liberazione nazionale, che si estende per 220 anni. E come organizzazione politica, la nostra continuità è ininterrotta dal 1905. La nostra posizione si basa sulle pietre miliari della democrazia irlandese. La Proclamazione del 1916, il primo Dáil Éireann (Parlamento irlandese di tutta l’Irlanda), il programma democratico del primo Dáil e la Dichiarazione di Indipendenza. Rimaniamo l’unica organizzazione politica, che si trova ancora in modo inequivocabile dalla parte della Repubblica di tutta l’Irlanda, respingendo completamente entrambi gli stati partizionisti. Non abbiamo mai nella nostra storia abbandonato tale posizione. Questo è ciò che rende il Republican Sinn Féin unico come organizzazione politica. Il nostro obiettivo verte sull’impegno comune ad una nuova generazione del popolo irlandese in modo tale da poter costruire un forte ed unito movimento in grado di partorire un’Irlanda libera basata su queste solide fondamenta del repubblicanesimo irlandese.

F.B. 10) Il vostro partito ha a lungo considerato il piano Eire Nua come centrale. E’ sempre attuale?

D.D. Ovviamente. Si evince anche risposte precedenti. Éire Nua è l’unica alternativa credibile, che è stata opposta al dominio britannico e alla partizione. Oggi la crisi economica e politica nelle 26 contee ha rafforzato il fallimento delle strutture politiche imposte all’Irlanda dalla Gran Bretagna nel 1921. Éire Nua porta il processo decisionale fino al livello più basso possibile. Questo significa avere una democrazia orizzontale piuttosto che un modello verticale o dall’alto verso il basso. Questo poggia sull’Irlanda unita definita nella Proclamazione del 1916. Insieme con il nostro programma sociale ed economico Saol Nua- che si basa su principi repubblicani, socialisti, autonomistici ed ecologici – é un progetto per una repubblica irlandese a 32 contee Federale Democratica e Socialista sulla base di una vera democrazia politica ed economica.

F.B. 11) Crede che il RSF debba rimproverarsi qualche errore durante la sua storia?

D.D. Sono sicuro che il Republican Sinn Féin, come ogni altra organizzazione o persona, abbia fatto errori in passato. Non possiamo cambiare ciò che è avvenuto ma solo imparare dagli sbagli passati e guardare al futuro perché abbiamo molto lavoro da fare.

F.B. 12) Il Republican Sinn Féin è un partito astensionista. Qual è il senso oggi dell’astensionismo? Perché un elettore dovrebbe votare i candidati del RSF se non siederanno a Stormont?

D.D. Stormont è un ostacolo sulla strada per un Irlanda libera, così come la stessa assemblea delle 26 contee alla Leinster House. Se vogliamo imparare qualcosa dalla nostra storia, è che non si può essere sia costituzionali sia rivoluzionari. Se siedi in una di queste assemblee devi accettare la base stessa su cui essi sono stabilite, ovvero la divisione dell’Irlanda. Ciò porta ad un punto morto per il riformismo. Il cambiamento rivoluzionario non proviene da tali assemblee, ma solo dalla costruzione di un forte movimento rivoluzionario mobilitando il popolo fino ad un punto in cui questi ostacoli potranno essere rimossi aprendo la strada ad una nuova Irlanda. Sarà allora che il vero lavoro di liberazione avrà inizio.

(Si ringrazia Massimiliano Vitelli – portavoce in Italia del Republican Sinn Fein – per la collaborazione)

Annunci

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.