UNA PETIZIONE ON LINE PER I FAMILIARI DELLE VITTIME DEL MASSACRO DI BALLYMURPHY

Lanciata una petizione on line dai familiari delle vittime del massacro di Ballymurphy alla ricerca di giustizia

Resterà aperta fino al 01 ottobre 2010 la petizione lanciata dai familiari delle  vittime uccise nelle strade di West Belfast, in quello che viene chiamato il ‘Massacro di Ballymurphy‘. Undici persone, tra cui una madre di otto e un prete cattolico, vennero uccisi dall’esercito britannico nei giorni seguenti l’introduzione dell’internamento preventivo avvenuto lunedì 9 agosto 1971, a cui seguirono giorni di violenza.
Il Ballymurphy Massacre Group, supportato da Relatives for Justice (RFJ), ha lanciato ieri la petizione nella speranza di ottenere una pubblica inchiesta sulle morti dei loro cari periti sotto ai colpi del Reggimento Paracadutisti tra il 9 e l’11 agosto 1971.
Andree Murphy, vice direttore del RFJ ha dichiarato: “Le famiglie hanno disperatamente bisogno e meritano la verità e solo un’indagine indipendente può  accertare, nella loro completezza, i fatti che circondano il le uccisioni e il loro successivo insabbiamento.”
Per chi volesse dare il proprio appoggio, ecco i links alla petizione:

Petition 1
Petition 2

Traduci l’articolo…
Share
Ballymurphy massacre families launch petition (The Irish News)
The families of 11 people killed on the streets of west Belfast in the aftermath of internment have intensified their campaign for justice by launching an online petition on the British Prime Minister’s official website.
The Ballymurphy Massacre Group, supported by Relatives for Justice (RFJ), opened the petition yesterday in the hope of securing a public inquiry into the deaths in August 1971.
The petition states: “We the undersigned petition the Prime Minister to initiate a fully independent and human rights compliant investigation into the 11 killings of civilians in Ballymurphy, Belfast between 9th and 11th August 1971 by the Parachute Regiment”.
It will remain open until October 1 2010.
Eleven people, including a mother-of-eight and a Catholic priest, were shot and killed by the British army in the days following the introduction of internment on Monday August 9 1971 when widespread violence ensued.
Andree Murphy, deputy director of RFJ, encouraged the public to “lend their voices” to the campaign.
“The families have suffered egregiously since those fateful days in August 1971,” she said.
“The families desperately need and deserve the truth and only an independent investigation will establish the full facts surrounding the deaths and their subsequent cover-up.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.