“ASSOLUTAMENTE RIDICOLI” I LIVELLI DI CONTROLLO PARAMILITARE IN ALCUNE AREE

Il livello di intimidazione paramilitare nelle aree repubblicana e lealista è “assolutamente ridicolo” ha detto un ex vice capo del Policing Board

Il rapporto Perceptions of Paramilitarism del Department of Justice, ha affermato che il 32% delle persone nelle aree lealiste e il 24% nelle aree repubblicane avvertono un’influenza paramiliare dominante. Ha inoltre affermato che il 29% delle persone nelle aree lealiste e il 24% nelle repubblicane pensano che i paramilitari fomentino paura e intimidazione.
Sulla base della Life and Times Survey del 2017, il rapporto afferma anche che il 10% di coloro che si trovano nelle aree lealiste e l’11% nelle aree repubblicane ritiene che i paramilitari mantengano la propria area al sicuro.

Denis Bradley, ex vicepresidente del Policing Board, ha dichiarato: “Questo è assolutamente ridicolo e, politicamente, è uno dei nostri grandi fallimenti, non aver fatto nulla al riguardo.”
Bradley sostiene che si dovrebbero creare strategie adeguate per contrastare l’abuso di droga e alcol, per minare il ruolo dei paramilitari nel fornire, sorvegliare o tassare la fornitura di droghe illecite.
“Le ultime 10 sparatorie di repubblicani dissidenti sono state tutte collegate alla droga”, ha detto, mentre ci sono “sospetti” che i lealisti siano coinvolti nello spaccio di droghe.

Il consigliere del PUP, il dott. John Kyle, ha detto che il recente omicidio di Ian Ogle, per mano lealista a East Belfast, ha spinto altre famiglie a farsi avanti per denunciare le intimidazioni. “Il fatto che poco più del 56% degli intervistati si senta sicuro nel denunciare il crimine alla PSNI, dovrebbe essere motivo di preoccupazione per la polizia”, ​​ha aggiunto.

Il portavoce UUP per la giustizia, Doug Beattie, ha detto che è fondamentale decidere se i paramilitari siano solo criminali. “Perché quando alla fine la polizia ottiene le prove per metterli dietro le sbarre viene loro assegnato il grado e lo status di paramilitari, concedendogli di entrare a far parte di un regime carcerario separato?”.

Gerry Carroll, del West Belfast People Before Profit, ha detto che le persone sono ancora “inorridite” dalle sparatorie paramilitari e dagli omicidi e dai ruoli delle organizzazioni come “guardiani e controllori”. I giovani non vogliono essere soggiogati da “organizzazioni armate auto-nominate” che sono espressione della rabbia delle persone, invece di offrire “una speranza che la gente possa stare insieme”, ha affermato.

Joanne Bunting (DUP) ha aggiunto: “Ciò che è comune a tutte le comunità è che la stragrande maggioranza vuole vedere la società liberarsi di questi gruppi”.

Secondo i dati della PSNI dal marzo 2018 al febbraio 2019, ci sono stati:

  • due decessi correlati alla sicurezza
  • 16 sparatorie in stile paramilitare, tutte a Belfast o Derry-Strabane, tranne due
  • 56 assalti in stile paramilitare, la maggior parte a Belfast, nel distretto Antrim e Newtownabbey e in quello di Ards e North Down;
  • 15 attacchi bomba e 37 ferimenti con armi da fuoco;
  • 159 persone arrestate per attività connesse al terrorismo, principalmente a Belfast e Derry-Strabane, i distretti con il maggior numero di attacchi e sparatorie, con 15 persone successivamente incriminate.

Tratto da Belfast NewsLetter

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.