COMMEMORAZIONE PER THOMAS BEGLEY AD ARDOYNE

Thomas Begley, Volontario dell’IRA, morì vent’anni fa, quando la bomba che stava trasportando esplose erroneamente prima del previsto, uccidendo lui stesso e nove civili

Era il 23 ottobre 1993 quando l’ordigno, che doveva colpire una sospetta “riunione dell’UDA”, detonò per sbaglio: in Shankill Road, devastata dall’esplosione, persero la vita in nove, tra cui due bambini di 7 e 13 anni.

A vent’anni dall’accaduto, una targa in ricordo di Thomas Begley è stata svelata oggi ad Ardoyne, salutata da una folla di persone.

Presenti Gerry Kelly (Sinn Féin) e Sean Kelly, che stava accompagnando Begley nell’operazione ma sopravvisse.

“Sono addolorato per le perdite che l’esplosione causò”, ha dichiarato oggi, parlando alla folla.

Gli si è unito Gerry Kelly, che ha sottolineato che “non ci sono scusanti per le morti causate”, ma ha aggiunto: “Thomas Begley era un Volontario, e questo è il 20°anniversario della sua morte, che avvenne in tragiche circostanze. La cerimonia è stata organizzata dai familiari e dagli amici per ricordare lui, che era una persona, un essere umano, un Volontario, e che è morto vent’anni fa.

“Oggi le circostanze sono diverse, siamo in pace”, ha proseguito, “e se c’è una cosa su cui vittime e sopravvissuti concordano è il bisogno di verità. Ma la verità va detta da tutti, è questo il punto.

“Io non sto glorificando la violenza e non lo farò”, ha voluto evidenziare, “ma le persone hanno il diritto di ricordare i propri cari che morirono nel conflitto: ce ne sono tanti, tantissimi, alcuni combattenti, altri civili, e tutti devono essere ricordati”.

L’altra voce è stata rappresentata dalla protesta lealista in Crumlin Road, ad esprimere iil “disgusto” delle famiglie delle vittime per la commemorazione.

“Le scuse di Sean Kelly non significano nulla per me”, ha dichiarato a UTV Gina Murray, che in quel tragico pomeriggio perse la figlia Leanne, di soli tredici anni. “Lo ha fatto, sapeva quello che stava facendo e non accetto scuse a vent’anni di distanza.

“Qui si tratta di giusto e sbagliato”, ha continuato, in un appello alla comunità Repubblicana di “pensare alle vittime”.

“Probabilmente non ci penseranno affatto, ma quello che hanno fatto è comunque sbagliato. Mia figlia aveva tredici anni quando fu uccisa, eravamo uscite a fare shopping. Non cambia niente che siano passati vent’anni, il dolore è ancora forte come se fosse successo ieri”.

sean kelly

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...