STRAGE DI MILLTOWN. MICHAEL STONE SI DICE “DISPIACIUTO”

“Non è vero che non ho mostrato pentimento”: il killer lealista risponde al giudice che gli ha negato la libertà condizionata

Secondo il giudice non c’era nessuna attenuante ma solo aggravanti per il suo caso, tra le quali il fatto che il killer non si sia mai pentito delle proprie azioni – al contrario, offrì i propri ‘servigi’ a “qualunque gruppo paramilitare lealista li richiedesse”.

Ma Stone ribatte così: “Mi ha infastidito che il giudice abbia dichiarato che non io abbia mai provato rimorso, quando nella mia autobiografia dichiarai espressamente di essere dispiaciuto per le vite perse. Farmi giustizia da me è stato sbagliato.

“Tuttavia mi ritengo un prigioniero politico”, ha proseguito, “e mi fa piacere che il giudice abbia riconosciuto che le mie azioni siano state politicamente motivate”.

Poi, invita la famiglia a non portare avanti la campagna per la sua scarcerazione: “Il verdetto non era inaspettato, non intendo appellarmi contro la sentenza e ho rifiutato di riconoscere la corte, come feci nel 1998”, puntualizza, sostenendo di “non voler sprecare i soldi dei contribuenti” – motivo per cui “non avrebbe legali”.

“Recentemente, Martin McGuinness ha affermato che la causa Repubblicana era giusta”, ha aggiunto. “Io vedo la causa lealista come giusta, ma provo altrettanto dispiacere per le morti dei Troubles”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...