FLAG PROTEST, MINACCE DI MORTE A POLITICI E GIORNALISTI

Segni di proiettili contro l’abitazione di una deputata del SDLP e proiettili per posta a un giornalista e a membri di Sinn Féin e DUP: l’ondata di violenza legata alla ‘flag protest’ trova anche la strada delle minacce di morte

Claire Hanna, consigliere SDLP, non ha dubbi: gli spari contro la sua abitazione a South Belfast, attaccata quando lei si trovava in vacanza con la famiglia al di là del confine, sono una conseguenza delle violenze lealiste ormai quasi continue.

“Ma non mi faccio intimidire, non divento una vittima di bullismo”: ha dichiarato, intenzionata a tenere alta la testa. “Naturalmente il primo istinto è stato quello di lasciare questa casa, perché è stata una violenza e una violazione della nostra sicurezza che ci ha seriamente turbati. Ma vivo qui da sei anni, sono sempre stata una persona moderata, e non ho mai avuto problemi prima d’ora. Non mi farò costringere a intraprendere nessuna azione per conto di persone che attaccano i propri rappresentanti, giovani famiglie, la polizia o gli affari”.

Condanna unanime da parte del mondo politico: “State facendo il gioco dei dissidenti repubblicani”, ha dichiarato Peter Robinson, primo ministro e leader del DUP, nel tentativo di placare la violenza.

“Per la violenza non c’è nessuna giustificazione”, è la posizione di Mike Nesbitt. “Si possono fare passi avanti solo tramite il processo politico, ed è a servirsi di esso che invito i responsabili”.

Intanto, però, vittime di minacce sono stati anche Patsy McGlone, collega di partito di Claire Hanna – opera di “fasciati senza volto”, ha commentato – Naomi Long, David Ford e Geraldine Mulvenna (Alliance) e Alex Maskey e Gerry Kelly (Sinn Féin).

E il giornalismo non si salva: anche la National Union of Journalist denuncia una minaccia ad un reporter, nominato per nome e cognome, dopo la pubblicazione di un suo servizio sui riots lealisti degli ultimi giorni.

“Non è altro che un vergognoso tentativo di attaccare giornalisti che stanno lavorando in circostanze estreme”, ha dichiarato il presidente della NUJ, Barry McCall.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.