ARDOYNE – RATHCOOLE. I DUE PESI E LE DUE MISURE DELLA PSNI

Rabbia repubblicana per la disparità di trattamento in occasione dei disordini di Ardoyne e Rathcoole

Articolo tratto dal blog del Greater Ardoyne Risidents Collettive (GARC)

Dalla creazione delllo Stato di Orange nel 1922, le comunità Nazionalista e Repubblicana nelle Sei Contee hanno sofferto a causa della politica settaria. L’avvio del processo di pace promise una fine al controllo Unionista sulla RUC e una società equa per tutti? Anche i rappresentanti eletti promisero che un nuovo nome ed una nuova uniforme avrebbero portato ad un servizio di polizia più civile.
Sfortunatamente, quanto segue mostra che si è trattato di una falsa promessa per la comunità di Ardoyne. Solo una persona è stata incriminata per la rivolta a Rathcoole dello scorso ottobre, contro i 71 incriminati in occasione della parata orangista dello scorso luglio (The Twelfth, ndr).
Dopo due notti di disordini nell’area unionista ad ottobre, che ha portato alla chiusura di alcune strade principali, lo stop dei trasporti pubblici e l’aggressione di due autisti di autobus, solo una persona è stata incriminata.
La RUC ‘riformata’ ha cercato di giustificare la grande differenza tra quel numero e le 71 persone accusate per i disordini ad Ardoyne del luglio scorso, dicendo che i disordini di Rathcoole erano stati “spontanei” e quindi non era giusto paragonare le due cose. Il ragazzo incriminato era una delle sei persone arrestate dopo la violenza, ma nessuna accusa è stata portata avanti contro gli altri cinque.
Uno degli autisti di autobus ha avuto la frattura del naso, una donna autista è stata trascinata fuori dal suo veicolo, sono state bruciate auto e bus e la polizia è stata attaccata nel corso delle due notti in cui i disordini sono esplosi dopo una serie di raid nell’ambito della Stafford Operation, nata con lo scopo di investigare sulle attività dell’UVF a North Belfast.
In confronto, le 87 persone erano state arrestate in connessione ai disordini di Ardoyne per aver forzato i cordoni durante una marcia dell’Orange Order in quell’area lo scorso 12 luglio. Di questi, 71 sono stati arrestati, 11 rilasciati in attesa di rapporto, tre rilasciati sulla parola fino a nuovi sviluppi nelle indagini e due rilasciati completamente senza accuse.
Dopo la marcia di Ardoyne, la RUC/PSNI ha reso pubbliche le immagini per la maggior parte di giovani uomini e alcuni studenti minorenni con cui volevano discutere dei disordini ma, come in passato, non hanno reso pubbliche le immagini dei disordini di Rathcoole.
Gerry Kelly, ministro a Stormont, ha dichiarato di voler parlare con i livelli più alti della PSNI per chiedere loro di spiegare le differenza tra le due tipologie di arresti e le accuse mosse. “L’essenza di una buona politica è una politica comunitaria. Essa deve essere condotta in modo equo senza tener conto di classe o credo,” ha detto.
“La grande differenza nel numero di arresti e di incriminazioni tra i casi di Rathcoole e Ardoyne è allarmante. Chiederò loro conto “a livelli di alti ufficiali” perché spieghino questi numeri. La fiducia della comunità nella polizia va guadagnata e questo si può ottenere solo dimostrando per esempio un approccio equo nelle indagini su situazioni come questa.”
Una portavoce della RUC/PSNI ha dichiarato che stanno trattando i due casi con “la massima serietà” con un team di investigatori che stanno lavorando ai casi per assicurare alla giustizia quanti sono stati coinvolti nei disordini.
“Comunque, la realtà è che si è trattato di situazioni di ordine pubblico differentei, e non sarebbe giusto paragonarle o metterle sullo stesso piano” ha detto.
“Gli incidenti di Rathcoole erano di natura spontanea e sono seguiti a perquisizioni connesse ad indagini di polizia su gravi crimini. Lo scontro è avvenuto in una area geografica ridotta ed è stato generato, per la maggior parte, dall’incendio di veicoli bruciati da un esiguo gruppo di persone all’interno di una folla più folta che si trovava in quell’area”.
“Non ci sono stati feriti tra i poliziotti. Non è un modo di minimizzare quello che è successo – dal momento che la comunità locale ha evidentemente sofferto per gli scontri e la distruzione da essi causati – ma solo per inserire gli eventi nel giusto contesto.”
Il portavoce ha detto che non c’era paragone con gli scontri di Ardoyne. D’altra parte, Ardoyne è stata un’operazione di polizia su larga scala, che ha incluso anche una grande raccolta di prove. Vista la storia della situazione, la gestione dell’ordine pubblico su di un’ampia scala era stata precedentemente pianificata e si era pronti ad affrontarla” ha detto. “In quel caso, gli ufficiali hanno affrontato molte persone coinvolte in uno scontro difficile, che è poi diventato una violenza continuata per più di 4 giorni. Un ufficiale, a cui è stato sbattuto in testa il parabrezza di un’auto, è stato ferito seriamente. In totale più di 80 poliziotti erano rimasti feriti.”

Sopresa, sorpresa!!

(Traduzione a cura di Valentina Prencipe)

Political Policing For Nationalists and Republicans Remain (GARC)
Since the creation of the Orange State in 1922, the Nationalist and Republican community in the Six Counties has suffered from political and secterian policing. The onset of the peace process promised an end to Unionist control over the RUC and an equal society for all? Elected representatives also promised that a new name and uniform would herald a more civil Police service.
Unfortunately, the following dispute the above empty promises for the greater Ardoyne community. With only one person charged in connection with rioting in Rathcoole last October compared to 71 charged over July’s Orange march through Ardoyne.
Following two nights of rioting in the Unionist area in October, which forced the closure of main roads, the cessation of public transport services and saw two bus drivers assaulted, only one person had been charged.
The ‘reformed’ RUC attempted to defend the huge disparity between that figure and the 71 people charged over July’s Ardoyne riots saying the Rathcoole riots were “spontaneous” and therefore it was unfair to compare the two. The individual youth charged was one of six people arrested after the violence, but no charges have been brought against the other five.
A bus driver sustained a broken nose, female bus driver was dragged from her vehicle , cars and buses were burned out and police attacked in the two night spree which erupted after a series of raids as part of Operation Stafford which looks into the activities of the UVF in North Belfast.
In comparison 87 people were arrested in connection with the Ardoyne riots following the forcing through of an Orange Order march through the area on July 12 last year. Of these 71 have been charged, 11 released pending a report, three bailed pending enquiries and two released unconditionally.
Following the Ardoyne march, the RUC/PSNI released images of mostly young men and a few underage schoolboys they wanted to speak to about the riots but as in the past, have not released images from the Rathcoole riots.
Stormont Minister, Gerry Kelly said he will be speaking to the PSNI at a senior level to ask them to explain the differences between the two arrest and charges rates. “The essence of good policing is community policing. This must be conducted on an even handed basis regardless of class or creed,” he said.
“The huge disparity in arrests and charges being brought in the Rathcoole and Ardoyne cases is alarming. I will be ‘challenging them’ at a senior level to explain these latest figures. “The community’s confidence in the police must be earned. This can only be achieved by them demonstrating by example a balanced approach to investigations such as this.”
An RUC/PSNI spokeswoman claimed they are treating the two riot with “the utmost seriousness” with teams of detectives working to bring those involved to ‘justice’.
“However, the reality is that these were different public order situations and it would be unfair and unbalanced to make direct comparisons between the two,” she said.
“The Rathcoole incidents were of a spontaneous nature and followed a number of searches related to a police investigation into serious crime. The disorder was in a very limited geographic location and was made up of, for the most part, vehicles being set alight by a small group of people within a larger crowd in the area.
“There were no injuries to police. This is not to minimise what happened – as the local community clearly suffered from the disorder and disruption – but to put it in context.”
The spokeswoman said it couldn’t be compared to the riots in Ardoyne. On the other hand, Ardoyne was a large-scale planned police operation, including a very large evidence-gathering operation. Given the history of the situation, large-scale public order was anticipated and prepared for,” she said. “In the event, officers faced a very large number of people involved in serious disorder in the shape of sustained violence over four days. One officer, who had a breeze blocked dropped onto her head, was seriously injured. Over 80 officers in total were injured.”
Surprise, surprise!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.