MACERIE DI LONG KESH MESSE ALL’ASTA

BBC NEWS 05 Aprile 2007

Macerie di Maze messe all’asta

Johnny Caldwell
BBC news website

Macerie che si suppone provengano dalla demolizione della più famosa prigione del Nord Irlanda, Maze, sono in vendita sul sito di aste online eBay.

Il venditore, di Belfast, dice che le macerie arrivano nello specifico dal Blocco H numero 4, “dove i prigionieri repubblicani dello sciopero della fame vennero tenuti”.

Continua riferendosi a a cinque blocchi da 5kg che ha in vendita come “un cimelio che è un’assoluta gemma per chiunque abbia interesse nei Troubles in Irlanda del Nord e specialmente sui repubblicani dello sciopero della fame”.

Sono offerti per la vendita nel mondo — il listino inglese ha un prezzo iniziale di 1,00 sterlina, dal listino americano parte da 5 $.

Comunque, la demolizione di Maze è ancora in corso e i blocchi H sono ancora intatti.

Un portavoce per l’Ufficio del Primo Ministro e del Deputato Primo Ministro ha detto “L’ufficio è al corrente che un numero di artefatti indicati come provenienti da quello che era il sito di Maze/Long Kesh sono stati messi in vendita sul sito di eBay.

“I compratori dovrebbero rendersi conto che in molti casi è impossibile autenticare quegli artefatti e a nessuno è stato dato il permesso di rimuovere oggetti dal sito.”

I prigionieri condannati per atti terroristici dopo il 1 marzo 1976 venivano tenuti negli otto nuovi blocchi H che erano stati costruti in quel sito, conosciuto anche come Long Kesh.

Lo sciopero della fame che vide morire 10 prigionieri repubblicani iniziò il 1 marzo 1981.

Essi chiedevano di tornare allo “status di prigioniero politico”, che includeva il diritto di indossare i loro abiti, il diritto di non fare i lavori della prigione e il diritto di associarsi liberamente con altri carcerati repubblicani.

Bobby Sands, un 27enne che aveva scontato 4 anni di una condanna di 14 anni per possesso di armi, iniziò a rifiutare il cibo.

Si unì a lui, il 15 marzo, il prigioniero di Maze membro dell’IRA: Francis Hughes, mentre l’uomo dell’IRA Raymond McCreesh e il leader dei prigionieri dell’ INLA, Patsy O’Hara, si unirono allo sciopero una settimana dopo.

All’inizio di questa settimana, è emerso che gli addetti alla demolizione di Maze – per far spazio probabilmente ad uno stadio nazionale per l’Irlanda del Nord – hanno scoperto un tunnel di fuga lungo circa 18 metri.

Si ritiene che il tunnel sia stato abbandonato più di 30 anni fa, prima che i prigionieri che lo scavarono potessero scappare dalla prigione, situata fuori Lisburn.

Il tunnel va dalle capanne di Nissen all’interno del complesso verso la rete perimetrale, e si crede che non fosse mai stato scoperto dai guardiani.

Mentre l’IRA è la più collegata alle evasioni da Maze, considerando la locazione del tunnerl alcuni sono giunti alla conclusione che potesse essere una via di fuga per l’UVF.

L’evasione più grande della storia inglese avvenne proprio dalla prigioni di massima sicurezza di Maze il 25 settembre 1983.

Quel giorno, 38 prigionieri repubblicani fuggirono. L’ufficiale della prigione James Ferris morì di infarto dopo essere stato pugnalato mentre cercava di fermare l’evasione.

La prigione di Maze chiuse nel settembre 2000 come risultato del Good Friday Agreement.

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.