LA PSNI “LASCIA CADERE” L’INDAGINE SU TREVOR BIRNEY E BARRY McCAFFREY

“Colpevoli” di aver reso pubblici dei documenti sulla collusione delle forze di polizia nel massacro di Loughinisland, i due giornalisti erano stati arrestati e si erano visti perquisire casa e ufficio

Dopo aver vinto un’azione presentata all’High Court contro la PSNI, Trevor Birney e Barry McCaffrey sono ora liberi dall’indagine che pendeva su di loro: ne sono stati informati nella giornata di oggi, lunedì 3 giugno.

La High Court aveva precedentemente stabilito che tutto il materiale sequestrato andrà restituito ai giornalisti.

In un comunicato congiunto, Birney e McCaffrey hanno dichiarato alla Press Association: “Stasera, i nostri primi pensieri vanno alle famiglie di Loughinisland. L’attacco a noi è stato un attacco a loro. Invitiamo la PSNI e il Durham Constabulary a scusarsi con loro per averli sottoposti a questa farsa illegale”.

“La polizia ha ritirato le accuse per un motivo soltanto: finalmente, hanno accettato che arrestandoci e perquisendo le nostre case e i nostri uffici erano loro a comportarsi illegalmente.

“Almeno, è finita per il Chief Constable George Hamilton.

“Ma siamo arrivati a questo solo dopo nove mesi di Judicial Review che è stata iniziata e finanziata dalla Fine Point Film per proteggere i diritti della libertà di stampa.

“Il giudice la settimana scorsa ci ha detto che non avevamo di che rispondere e che abbiamo fatto bene a proteggere le nostre fonti”, hanno aggiunto i reporter.

“La PSNI ha consegnato i manganelli nelle mani del Durham Constabulary e li ha lasciati liberi di abbattersi su di noi e sulla libertà di stampa stessa.

“Non c’è stata alcuna supervisione di un’indagine che chiaramente era motivata soltanto da pure cattive intenzioni. Invece di inseguire i colpevoli, i detective di Durham hanno trasformato il maggiore sospettato del massacro di Loughinisland in una vittima.

“[L’allora Chief Constable] George Hamilton e [il Deputy Chief Constable] Steven Martin devono essere chiamati a rispondere dell’attacco a Barry e a me e alla stampa locale. Lanciamo un appello perché venga immediatamente avviata un’inchiesta indipendente sul ruolo della PSNI e dei detective di Durham che ci hanno attaccati.

“Ora sappiamo che il PPS (Public Prosecution Service) locale li supportava, il che è scioccante. Devono rispondere sul perché abbiano sostenuto un’indagine tanto illegale.

I due giornalisti hanno poi concluso: “Ringraziamo il National Union of Journalists e Amnesty International per il loro sostegno in particolare. Ci ha emozionati il supporto di coloro che, in patria e all’estero, ci sono stati al fianco in questi nove mesi.

“Ma più di chiunque altro, ringraziamo le famiglie di Loughinisland. Siamo orgogliosi di aver raccontato la loro storia al mondo”.

Tratto da Belfast Telegraph

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.