‘ON THIS DAY THE IRA’, RIEVOCA SUI SOCIAL MEDIA I CRIMINI DELL’IRA

Intervista del Belfast NewsLetter al nordirlandese che fornisce quotidianamente promemoria sui social media, dei crimini dell’IRA durante i Troubles

Da poco più di un anno, un uomo dell’Irlanda del Nord si sta impegnando nella pubblicazione di promemoria quotidiani sui social media, sull’impatto umano della campagna della Provisional IRA durante i Troubles, con particolare attenzione per i fatti meno noti.

L’autore dell’account Twitter “On this day the IRA” desidera rimanere anonimo,  sebbene non faccia mistero di essere unionista e cresciuto nella Provincia sul finire dei Troubles.

L’acronimo OTDTIRA sarà usato come nickname nell’articolo.

OTDTIRA, che gestisce anche una pagina Facebook associata, ha dichiarato: “Ho attivato l’account il 17 gennaio dello scorso anno. A motivarmi,  un post che avevo visto su Facebook, che riguardava Teebane. Il massacro di Teebane ebbe luogo il 17 gennaio 1992. Una bomba collocata lungo una strada in un incrocio tra Omagh e Cookstown distrusse un furgone con 14 lavoratori edili che stavano riparando una base militare a Omagh. Otto uomini furono uccisi e gli altri furono feriti. L’IRA affermò che i lavoratori furono uccisi a causa della loro “collaborazione” con le forze di sicurezza”.
OTDTIRA continua: “Teebane è uno di quelli di cui tutti sono a conoscenza, ma ho iniziato a chiedermi, ci devono essere molti altri omicidi compiuti dall’IRA di cui nessuno sente parlare. ‘Vedi sempre post sui tuoi Teebanes, Enniskillens, La Mons, ma ci sono fatti completamente dimenticati. Questa è stata la scintilla. Inizialmente non ero contento dei primi tweet dell’account. Teebane era un singolo tweet che elencava i nomi degli operai e questo era il massimo”
.
“Non ero soddisfatto del livello di dettaglio. Sono quIndi tornato al punto di partenza, riprendendo in mano il materiale.”
“Sebbene abbia anche una pagina Facebook, ritengo che Twitter sia il mezzo migliore per condividere questo tipo di informazioni. Sono in grado di mixare il materiale a diposizione. Posso pubblicare un video, fotografie, resoconti di giornali in un thread”.

Il 10 febbraio OTDTIRA aveva pubblicato un tweet con l’elenco di sei uomini uccisi dall’IRA,  in attacchi separati del 1975, 1980 (2), 1981 e 1986 (2). OTDTIRA, che è nato negli anni ottanta, ha dichiarato: “I miei ricordi dei Troubles sono confusi. La maggior parte delle cose di cui twitto, non ho esperienza”.
“La maggior parte di ciò che sto segnalando è storia”.
“Ho creato l’account per ricordare le vittime dell’IR, perché ci sono potenti voci nel Nord Irlanda che cercano di giustificare le azioni dell’IRA”.
“Pubblicando semplicemente ciò che fece l’IRA, sto cercando di combattere quella narrativa distorta”.
“Non ho tempo per terroristi di alcun tipo, lealisti o altri gruppi repubblicani le cui azioni non ho incluso nelle mie pagine e nel mio blog.
“Tutti gli omicidi sono sbagliati e nessuno può essere giustificato”.
Ha aggiunto: “Suppongo che un altro motivo per farlo sia che ci sono molti luoghi in cui non ci sarà mai un memoriale fisico per chiunque sia stato assassinato, perché si è svolto in aree repubblicane”.

OTDTIRA ha rivelato che tra i libri che ha usato per la sua ricerca sono stati la cronologia di Troubles “Lost Lives”, i libri di Ken Wharton sull’Operation Banner ,‘Constabulary Heroes 1826 – 2009: Incorporating RUC GC / PSNI’ di Sam Trotter, ‘Testimony of Courage: The History of the Ulster Defence Regiment’ di John Porter e ‘Troubles Remembered’ di Gordon Gillespie.

OTDTIRA ha commentato: “Sono anche molto grato dei servizi di una ricercatrice di nome Hannah. Non è il suo vero nome. Io sinceramente non so chi sia Hannah e lei non sa chi sono”.
“Mi ha contattato tramite la pagina di Facebook per dire che poteva aiutarmi a cercare materiale utilizzando microfilm. Non è un processo facile”.
“Lavoreremo sempre con qualche mese di anticipo. Il suo aiuto è stato molto importante”.
OTDTIRA ha detto  che nell’ultimo anno è stato contattato, tramite le sue pagine sui social media, dai familiari delle vittime presenti ‘On This Day the IRA’.
“Sono stato contattato da familiari che chiedono di poter avere particolari cose pubblicate, o informazioni corrette da alcune fonti”.
“Le persone inviano fotografie chiedendo che vengano utilizzate al posto di quelle che erano state precedentemente pubbliate. A volte quello sarà l’unico posto in cui quella foto sia mai stata disponibile pubblicamente”.

Avendo mantenuto il sito per più di un anno, OTDTIRA non è sicuro su come procedere: “Non so cosa succederà ora. Pensavo di farlo per un anno, non sapevo nemmeno se avrei superato l’anno. Suppongo, quello che voglio fare ora è arrivare alla fine di marzo. Penso di essere stato abbastanza completo”.
“Una volta fatto bene, dovrebbe essere relativamente facile riprodurlo e farlo apparire nuovamente. Non è necesssario fare nuove ricerche. C’è la possibilità di trasformarlo in un libro. Ci sono una serie di temi che potrebbero essere trasformati in capitoli: gli omicidi in ospedale, gli omicidi in chiesa, gli omicidi di imprenditori.”
“Nel mio blog uso una citazione di Joseph Stalin, Una morte singola è una tragedia, un milione è una statistica.
“Parte del problema con la campagna dell’IRA è il fatto che sia passato tanto tempo e le persone non ci sono più, è ed difficile rendere l’impatto umano. Ecco perché ho cercato di includere quante più informazioni possibili sulle vittime – chi un padre di tre bambini, chi aveva lasciato una vedova, ecc. Il pubblicare fotografie i ciascuno degli omicidi, dove è possibile, umanizza la persona. È cercare di allontanarsi da una statistica”.
“Quel genere di cose è qualcosa su cui forse la comunità unionista è stata un po’ reticente”.
“All’interno dell’unionismo c’è stato un atteggiamento di ‘sì, ho sofferto ma sono andato avanti’. Mentre all’interno del nazionalismo hanno sempre apprezzato l’impatto di un’immagine visiva. Se andassi a una marcia Bloody Sunday, sarebbero lì con le foto delle persone che sono state uccise”.
“Se non hai qualcosa di visivo, in particolare in questa era di Twitter, quando le persone guardano le cose di sfuggita e non apprendono tutto immediatamente, quel tipo di immagine visiva ha un impatto maggiore, lo personalizza”.

In termini di statistica ha detto: “Quando guardi agli omicidi dell’IRA, noti una certa percentuale, un’alta percentuale, di personale della forza di sicurezza, ma ciò che non emerge è la percentuale di coloro che sono stati uccisi quando erano fuori servizio”.
“Con l’omicidio degli uomini dell’UDR, il loro modus operandi era sparare a qualcuno che era fuori servizio, perchè di giorno svolgeva il proprio lavoro”.
“Penso che le persone della mia generazione e delle generazioni più giovani potrebbero non apprezzare che l’UDR fosse un reggimento part time, e che queste persone avessero una vita nella comunità che non fosse solo un’uniforme”.
“Rubarono tempo alle loro famiglie per pattugliare le strade, per cercare di garantire sicurezza.”
“Connettendosi a On This Day the IRA su Twitter, il figlio di un soldato scozzese,  assassinato dall’IRA nel 1976, è stato in grado di vedere una foto di suo padre per la prima volta. Conor Bannon aveva nove mesi quando suo padre Roderick fu uno dei tre soldati scozzesi uccisi nell’esplosione di  una mina piazzata sotto il loro veicolo”.
OTDTIRA ha detto: “Ho twittato su quegli omicidi il 31 marzo dell’anno scorso. Molto recentemente, il figlio di Roderick Bannon ha twittato in risposta a quel thread per dire ‘quello è mio padre’.”

Un’altra storia commovente che OTDTIRA ha portato alla luce sull’omicidio dell’IRA di cinque uomini a Brougher Mountain il 6 febbraio 1971.
OTDTIRA ha detto: “L’IRA aveva bombardato un trasmettitore e piantato un dispositivo secondario, tattica che era piuttosto comune. Cinque uomini andarono a ripararlo – uno di loro era con la BBC e quattro di loro erano appaltatori. Saltarono tutti in aria. L’uomo della BBC era David Henton. Aveva 24 anni.”
“Tra gli altri omicidi presi in considerazione da OTDTIRA, ci sono anche le uccisioni di tre fratelli del Fermanagh, membri dell’UDR, in tre attacchi separati mentre erano fuori servizio. Ronald Graham fu colpito mentre consegnava carbone in una casa il 5 giugno 1981,; Cecil morì l’11 novembre 1981, colpito più volte dopo aver fatto visita alla moglie che aveva appena dato alla luce un bimbo prematuro; James uucciso mentre guidava uno scuolabus a Derrylin, stavo portando devi bambini a nuotare il 1 ° febbraio 1985. OTDTIRA ha aggiunto: “George Saunderson era un insegnante del Fermanagh, ucciso da 10 colpi da arma da fuoco sul retro della scuola (10 aprile 1974)”.
“Era così che operava l’IRA. Suppongo che questa crudeltà non venga compresa, quando le persone pensano ai Troubles”.

Tratto da Belfast NewsLetter

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.