STRAGE DI OMAGH. NO DEL GOVERNO AD UNA PUBBLICA INCHIESTA

“Un’indagine pubblica non è nell’interesse comune”: questa la motivazione della decisione del Segretario di Stato, Theresa Villiers. Si infuoca la rabbia dei familiari

Nessuna pubblica inchiesta sulla morte delle 29 persone uccise il 15 agosto 1998 da una bomba della Real IRA – strage su cui pende l’oscuro sospetto di una mancata azione da parte delle forze di sicurezza che, è emerso, sarebbero state al corrente della presenza dell’autobomba.

Ma, secondo Theresa Villiers, “non ci sono sufficienti basi che giustifichino un’ulteriore indagine”, e che l’indagine che al momento sta effettuando l’ufficio del Police Ombudsman sia “la strada migliore per assicurare i colpevoli alla giustizia”.

Ai familiari, però, restano solo rabbia e sconforto.

“Non comprendiamo perché il Governo britannico si stia rifiutando di aprire un’inchiesta pubblica”, ha dichiarato Michael Gallagher, che nella strage ha perso il figlio, e promette: “Siamo pronti a chiedere una revisione giudiziaria della decisione, e ci muoveremo immediatamente”.

Il sospetto che l’attacco sarebbe potuto essere evitato o impedito permane, e alimenta la delusione. “Si stanno nascondendo dietro a delle scuse”, ha accusato Stanley McCombe, vedovo a causa della strage. “Theresa Villiers non capisce che ci ha traumatizzati? Le abbiamo procurato un documento di 77 pagine che spiega perché dovrebbe esserci un’inchiesta, e se non riesce a capirlo davvero non capisco come abbia fatto a prendere questa decisione”.

Di opinione contraria Kevin Skelton che, come McCombe, ha perso la moglie. “Ho parlato con la mia famiglia e i miei figli, sono loro a cui devo pensare, e loro non vogliono più saperne di Omagh. Hanno passato l’inferno per rimettere insieme i pezzi della loro vita, e vogliono andare avanti”. Inoltre, aggiunge, “l’inchiesta dovrebbe coinvolgere anche il Governo irlandese, e non credo che acconsentirebbe mai”.

La strage di Omagh, per la quale fino ad ora si è svolto solo un processo civile, si aggiunge ad una già lunga lista di atrocità dei Troubles rimaste irrisolte, o private di un’inchiesta pubblica ed indipendente.

Annunci

2 pensieri su “STRAGE DI OMAGH. NO DEL GOVERNO AD UNA PUBBLICA INCHIESTA

  1. Pingback: OMAGH. LE CRITICHE DI ROBINSON E McGUINNESS A THERESA VILLIERS | The Five Demands

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...