ANDERSON PARLA DI RICONCILIAZIONE E IRLANDA UNITA, IL DUP “VANE SPERANZE, AMMETTERE ERRORI PASSATI”

Finisce nell’ennesimo scontro il dibattito sull’eredità dei Troubles e sulla pacificazione politica e sociale in Irlanda del Nord, dopo che un intervento dell’europarlamentare Martina Anderson è stato criticato dagli unionisti del Dup

Martina Anderson, che mercoledì scorso ha fatto il suo ingresso ufficiale al parlamento di Strasburgo come Mep dello Sinn Féin, aveva scelto l’annuale commemorazione di Wolfe Tone per riaffermare che il partito repubblicano capisce e rispetta l’attaccamento unionista verso il potere britannico e le sue istituzioni – come la famiglia reale.

Parlando all’evento organizzato dallo Sinn Féin a Bodenstown, la Anderson ha detto che “costruire un genuino processo di riconciliazione nazionale comprende necessariamente un grado di comprensione e di incontro più ampio con coloro che hanno una tradizione unionista”.

“Lasciatemi dire in modo molto chiaro che lo Sinn Féin riconosce la fedeltà che molti nella società unionista irlandese hanno verso un senso di britishness e verso simboli e istituzioni come la famiglia reale. Noi questo lo rispettiamo”.

“Un’Irlanda unita e una nuova repubblica non possono essere costruite senza l’impegno della comunità unionista. Dobbiamo aprire tutti nuove discussioni sul futuro delle istituzioni nell’isola”.

L’intervento della Anderson arriva proprio nei giorni in cui gli occhi sono tutti puntati sul dirigente Sinn Féin e vice first minister Martin McGuinness, che non ha ancora reso noto se incontrerà la regina Elisabetta quando sarà a Belfast per celebrare i suoi 60 anni di regno.

La scorsa settimana, il ministro della cultura Ni Chuilin ha riferito che non parteciperà all’evento con la sovrana, perché il Northern Ireland Office non ha consultato lo Sinn Féin sull’organizzazione di un evento presso il parlamento di Stormont.

Dopo il “coming out” di uno dei suoi ministri, McGuinness ha commentato circa il giubileo: “Non ci è stata fornita al momento una proposta accettabile, se mai ne avessimo una sarà considerata dal partito”.

L’idea dello Sinn Féin di un’Irlanda unita, ha detto la Anderson alla commemorazione di Bodenstown, faciliterebbe “la piena espressione dell’identità [della popolazione], anche di quegli irlandesi che vogliono esprimere un’identità britannica”, e ha aggiunto che “una vera riconciliazione su quest’isola significherà affrontare l’eredità del conflitto”.

“Il lascito dei Troubles sarà una discussione che impegnerà tutti: repubblicani, unionisti e i governi di Londra e Dublino”.

Le parole dell’europarlamentare erano state scelte con cura e volevano essere pesate e certamente accomodanti nei confronti dei rivali di sempre. Ma c’è chi non l’ha presa così bene nelle file unioniste del Dup, i cui membri hanno subito rispedito al mittente i commenti della Anderson.

“Ancora una volta c’è un tentativo di incolpare altri per il terrorismo che ha dilaniato l’Irlanda del Nord per 30 anni, senza mai riconoscere il ruolo avuto dai repubblicani”, ha detto Jeffrey Donaldson, deputato Dup di Lagan Valley. Per Donaldson, Martina Anderson “dimostra chiaramente perché gli unionisti abbiano ragione ad essere scettici circa le parole di riconciliazione di Sinn Féin”.

“I repubblicani dovrebbero farsi avanti ammettendo gli sbagli di cui sono stati protagonisti e scusandosi; ma invece di tentare di vivere nel mondo reale, per lo Sinn Féin è più facile rimanere nella terra fantastica della politica di un’Irlanda unita. Ci sono molte elementi del fatto che i repubblicani non riescono più a convincere la maggioranza dei cattolici sui benefici di un’Irlanda unita – tanto meno unionisti o protestanti. E’ ora che i politici di tutti gli schieramenti si uniscano per rendere l’Ulster un posto migliore, invece di inseguire vane speranze repubblicane”.

Articoli Correlati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.