PER McGUINNESS “INEVITABILE LA RIUNIFICAZIONE”

In un Millennium Forum gremito, Martin McGuinness ha espresso assolute certezze durante la “Uniting Ireland Conference: Towards a New Republic” organizzata dallo Sin Féin nella giornata di sabato 28 gennaio: “L’attuale strategia politica condurrà inevitabilmente ad un’Irlanda unita”

Repubblicani, nazionalisti ed unionisti: variegato il pubblico che sabato ha ascoltato il Vice Primo Ministro nordirlandese in un teatro di dialogo e omaggi politici: McGuinness ha aperto la conferenza proprio con un inchino al deputato degli Ulster Unionists Basil McCrea , raccogliendo il suo invito ad utilizzare occasionalmente l’attributo britannico alla città di Derry in uno spirito di cooperazione con gli unionisti. “Basil, benvenuto a Londonderry”, ha quindi esordito il braccio destro dello Sinn Féin. “Nel 2013 lo sostituiremo con LegenDerry”.
“Sono un Repubblicano irlandese”, ha poi continuato, “e il mio obiettivo politico centrale è giungere alla riunificazione dell’Irlanda esclusivamente tramite mezzi pacifici e democratici. E sono convinto che il processo in cui siamo coinvolti non potrà che portarlo a compimento”.
È la Germania, per McGuinness, il modello da seguire: “La Germania ha affrontato una sfida più complessa della nostra. Contro la riunificazione dell’Irlanda viene sempre messa in campo la questione economica: come possiamo permettercelo? Il Sud può sostenerci? La Germania ce l’ha fatta, e ora è unita. E io credo,” ha proseguito, “che ci stiamo dirigendo inevitabilmente verso un’economia irlandese unitaria. Sir George Quigley si è spinto in prima linea sostenendo questa convinzione, ed economisti di spicco di tutta l’isola sostengono un impegno comune, la condivisione delle risorse, l’intensificazione del commercio fra nord e sud”.
Continuando, ha poi ancora una volta spiegato che sono state le stesse Istituzioni del Nord e del Sud e il Good Friday Agreement a dimostrare cosa possa essere raggiunto sulla base di una riunificazione. “Ci sono miriadi di esempi su come possiamo cooperare per costruire un futuro migliore per il nostro popolo. Le sfide da affrontare sono di grande portata, ma le Istituzioni Nord-Sud hanno funzionato, e possono essere ulteriormente sviluppate. Aspiro a questo, perché se ne possano tratte benefici per tutta la popolazione”.
Immancabile, poi, la lode agli unionisti per essere pronti al dibattito sulla riunificazione dell’Irlanda. “Ad un certo punto dovrà esserci un referendum con il quale la popolazione del Nord verrà chiamata a decidere se il nostro futuro trova posto nell’Isola d’Irlanda e nell’Unione Europea, mantenendo buone relazioni con l’Inghilterra, la Scozia ed il Galles”.
“Io sono estremamente ottimista riguardo al futuro, e sono estremamente lieto che ci siano unionisti con il coraggio di Basil McCrea, John McCallister ed altri, che mostrano la volontà di sporgere la testa fuori dal parapetto e di iniziare discussioni che porteranno ad un futuro migliore, più saldo e più sicuro per tutti noi”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.