GERRY ADAMS, “ROSEMARY NELSON VITTIMA DI COLLUSIONE”

Il presidente dello Sinn Fein Gerry Adams ha dichiarato che Rosemary Nelson è stata vittima della collusione tra paramilitari lealisti e governo britannico, contestando il discorso del Segretario di Stato riguardo l’inchiesta da 46£ sull’ omicidio

 Gerry Adams sul suo blog Lèargas: Champion for Human Rights

Rosemary Nelson fu uccisa da una bomba piazzata sotto la sua auto dai lealisti del Red Hand Defenders, esplosa mentre lasciava la casa sua a Lurgan il 15 marzo 1999. Parlando alla Camera dei Comuni lunedì, Owen Paterson aveva dichiarato che anche se la relazione ha rilevato che lo Stato e la RUC non sono riusciti a proteggere l’avvocato di 40 anni, non vi è stata alcuna collusione nell’omicidio. Ma in una dichiarazione, Gerry Adams ha sostenuto che “la collusione assume molte forme, qui nel Nord. La famiglia e il popolo nazionalista di Lurgan e Portadown sono certi del fatto che Rosemary Nelson sia stata vittima di questa collusione. E hanno ragione” ha aggiunto.
Adams ha descritto la Nelson come un avvocato che “alzò la testa e combattè per quello in cui credeva. Cercò di usare la legge – anche quella di uno Stato corrotto come quello del Nord durante gli anni del conflitto – come un mezzo per difendere i cittadini dagli abusi e dalle discriminazioni e come mezzo di realizzazione della giustizia “. Rosemary Nelson ha rappresentato repubblicani di alto profilo, tra cui Colin Duffy, che attualmente è in carcere accusato dell’omicidio a marchio dissidente di due soldati fuori dalla base militare di Massereene nel marzo 2009. L’avvocato, madre di tre bambini, assunse anche un ruolo di primo piano come consulente legale di un gruppo di famiglie cattoliche residenti a Drumcree “che si oppose ai cortei dell’ Orange Order durante la famigerata parata“. I vari gruppi a sostegno dei diritti umani avevano sollevato preoccupazioni circa la sicurezza del procuratore legale a seguito di intimidazioni da parte delle forze di sicurezza e dei paramilitari lealisti , ricevute poco prima del suo omicidio. Owen Paterson ha dichiarato che le “omissioni” da parte degli organismi statali hanno reso il preminente avvocato “più a rischio e più vulnerabile”. Il Northern Ireland Office, la Royal Ulster Constabulary, l’Esercito e i Servizii di Sicurezza hanno “omesso di adottare misure ragionevoli e proporzionate” per salvaguardare la sua vita. Il segretario di stato ha anche riferito che il rapporto riguardo l’omicidio condanna il RUC per aver “colposamente omesso di intervenire per impedire che i loro ufficiali minacciassero gli avvocati di difesa, tra cui Rosemary Nelson “. Adams ha dichiarato: “La RUC non solo non intervenne per prevenire le minacce alla sua vita, ma le alimentò, creando un contesto in cui diventò diventata un facile bersaglio per i lealisti. Le azioni del RUC, del suo Special Branch e del NIO contribuirono direttamente all’assassinio di Rosemary Nelson. Questa si chiama collusione”.

Fonte UTV

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.