LET’S PARTY! LA POLITICA FAI DA TE DEI FRUSTRATI

di Gareth Gordon

Alcune persone sbattono i piedi per la frustrazione. Pat Vernon ha deciso di fare qualcosa di più drastico: ha formato un partito politico

Ha avuto l’illuminazione mentre guidava verso il lavoro.
“Stavo ascoltando la radio quando arrviò in onda Martin McGuinness” ha detto l’avvocato di Lurgan, County Armagh.
“La storia del giorno era che Gregory Campbell non lo avrebbe salutato quando si incontrarono a Stormont. Ora, mi sembrava solo un altro cumolo di cose senza senso e un modo di cristallizzare la pura meschinità e incapacità dei nostri politici di interagire in modo positivo e costruttivo gli uni con gli altri. 
Sono tutti uguali: non c’è alcuna distinzione tra di loro. Fanno tutti i loro giochetti infantili e assecondano quelli del loro partito.
“Mi sono informato su come registrare un partito. Una cosa fatta d’istinto in un momento di frustrazione dopo anni a sbattere sul cofano dell’auto ogni giorno, ascoltando quella gente. Ho semplicemente reagito”
E così, se si va a guardare sul sito della Commissione Elettorale in Nord Irlanda, si trova Give Our Children a Future Party (Partito per Dare un Futuro ai Nostri Figli). Leader: Patrick Vernon. Segretario: Geraldine Vernon. Un partito di due persone – e non sono soli.
Seamus Magee, della Commissione, ha detto che al momento ci sono 19 partiti politici indigeni in Nord Irlanda, di cui una dozzina in lotta per le elezioni.
Ne restano 24 – ci sono 43 partiti, tutti registrati in Nord Irlanda, la cui maggior parte ha radici nel Regno Unito.
I loro nomi sono del tipo “Mum’s Army” (Esercito delle Mamme) e Jury Team (Gruppo di Giuria) e “The Common Good” (Bene Comune), guidato dal Rev. Dick Rodgers, che si descrive come “uomo del clero e chirurgo ortopedico non specialista.”
E’ cresciuto in Nord Irlanda, suo padre lavorava alla Queen’s University e al Royal Victoria Hospital.
Come ha deciso di formare un partito politico?
Commissione Elettorale
“Perché volevo che il nostro Paese, il Regno Unito, influenzasse in modo positivo il mondo ed uscisse dalla depressione” ha detto. ­ “C’è bisogno di noi sulla scena mondiale”
“Siamo registrati in Nord Irlanda e in Gran Bretagna, in parte perché non volevamo che nessun altro usasse il nome “The Common Good”  (Bene Comune)  in quei luoghi, ma anche perché voglio che il Nord Irlanda ne sia una  parte. Penso che si privatizzi troppo; voglio dare ordine alla banche; non credo che le banche possano essere in grado di creare soldi dal nulla come stanno facendo ora, perché ciò ci ha portato in un mare di guai”
Poi c’è il “You Party” (Tu Partito), che significa “tocca a voi, l’elettorato, decidere cosa volete che il governo  o il partito faccia”. È guidato da un uomo di Bolton, Douglas Bagnall.
Ha detto:”Se in futuro avremo successo in Inghilterra, Scozia e Galles, avremo bisogno di attraversare il mare e andare in Nord Irlanda per incoraggiare la gente che sta là”
Seamus Magee ha detto che non occorrono molti membri per creare un partito politico.
“C’è bisogno di un leader, un segretario e un tesoriere” ha detto.
“Un solo individuo può essere tutte e tre le cose e in quelle circostanze sarà necessaria anche una sola altra persona incaricata di essere ufficiale addetto alle campagne elettorali.
“Possono far domanda alla Commissione Elettorale. Quello che succede di solito è che c’è un incontro preliminare in cui offriamo consigli e direttive. Poi c’è la tassa di registrazione di 150 sterline con un rinnovo annuale di 25 sterline. E ogni partito deve presentare trimestralmente una dichiarazione dei propri proventi finanziari.”
Quindi Patrick Vernon e “Give Our Children a Future Party” (Diamo un Futuro ai Nostri Figli) debutteranno alle elezioni per l’Assembly?
“Il problema è convincere la gente a farsi coinvolgere e a convivere con tutto ciò che ne può derivare” ha detto. È  dura andare oltre alla sensazione che non ci sia uno scopo e che la gente continui a votare sempre per le stesse persone”
“Ci sto pensando seriamente. Prenderò una decisione la settimana prossima.”

(Traduzione a cura di Valentina Prencipe)

Let’s party – DIY politics for the frustrated (BBC News Northern Ireland)
Some people stamp their feet in frustration. Pat Vernon decided on something more drastic – he formed a political party.
He had his epiphany moment driving to work.
“I was listening to the radio and Martin McGuinness came on,” said the solicitor from Lurgan, County Armagh.
“The big story of the morning was that Gregory Campbell would not say hello to him when they met each other in Stormont.
“Now that just seemed to plumb new depths of nonsense and crystallised the sheer pettiness and inability of our politicians here to interact in a constructive positive way with each other.
“They are all the same; no distinctions between any of them. They all play their petty games and they all just pander to their own constituencies.
“I went and found out how to register a party. A spur of the moment thing just out of frustration after years and years of beating the bonnet of the car every day listening to these people that I just reacted.”
And so if you look on the website of the Electoral Commission in Northern Ireland you will find the Give Our Children a Future Party. Leader: Mr Patrick Vernon. Nominating officer: Geraldine Vernon. A party of two – and they are not alone.
The Commission’s Seamus Magee says there are currently 19 political parties indigenous to Northern Ireland, around a dozen of which contest elections.
That leaves another 24 – there are 43 parties in all registered in Northern Ireland, the vast majority of which have their roots in Great Britain.
They have names like Mum’s Army; Jury Team and The Common Good which is lead by the Rev Dick Rodgers who describes himself as a “clergyman and non consultant orthopaedic surgeon.”
He was brought up in Northern Ireland where his father worked at Queen’s University and the Royal Victoria Hospital.
So why did he decide to form a political party?
Electoral Commission
“Because I want our country, the UK, to be a really good influence the world and to shake itself out of the doldrums,” he said.
“We’re needed on the world scene.
“We’re registered in Northern Ireland as well as Great Britain, partly because we didn’t want anyone else to use the name the Common Good over there but also because I want Northern Ireland to be part of it.
“I think we privatise too much; I want to sort out the banks; I don’t think the banks should be able to create money out of nothing as they’re doing at the moment which has lead us into terrible difficulties.”
Then there’s the You Party which says it means “It’s for you the electorate to decide what you want the government or the party to do.”
It is led by Bolton man Douglas Bagnall.
He said:”If in in the future we become successful in England Scotland and Wales we need to be able then to go across the water to Northern Ireland to encourage the people over there.”
Seamus Magee said you do not need many members to form a political party.
“They need a leader, a nominating officer and they need a treasurer,” he said.
“An individual can fulfil all of those three posts and in those circumstances they would just need one other person to be appointed as a campaigns officer.
“They can apply to the Electoral Commission. What we usually find is that we have a pre-meeting where we offer advice and guidance.
“Then there’s the one-off registration fee of £150 with an annual fee of £25. And each party must submit quarterly financial returns.
So will Patrick Vernon and the Give Our Children a Future Party make its debut in the Assembly elections?
“The problem is persuading people to get involved and maybe to put up with whatever hassle would come with it,” he said.
“It is hard to break through that feeling that there is no point; that people just keep voting for the same people.
“I’m seriously considering it. I’ll make that decision in the next week.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.