“IRLANDA UNITA ENTRO 30 ANNI”, SOSTIENE UN EX HUNGER STRIKER

Il tema della riunificazione dell’Irlanda è stato uno degli argomenti cardine di un meeting repubblicano tenutosi a Donagh, Co. Fermanagh, il 17 gennaio scorso

Tommy McKearney, accusato nel 1977 dell’omicidio di Stanley Adams membro dell’Ulster Defence Regiment, è stato uno dei relatori principali dell’incontro organizzato dal ‘Yes for Unity’ (campagna repubblican socialista), che ha visto anche la partecipazione di del consigliere dello Sinn Fein, Sheamus Greene, Ciarán Cunningham in rappresentanza dell’Irish Republican Socialist Party, e Barry Murray del 1916 Societies. L’evento è stato presieduto da Tarlach Mac Dónaill, originario del Fermanagh ed ex pow appartenente all’IRSP.
All’ordine del giorno: un sondaggio sul confine, un referendum sull’unità irlandese e il più grande punto di discussione degli ultimi decenni, la Brexit.

187632602.jpg.gallery

Nell’ambito del dibattito “Road to Referendum”, McKearney ha ricordato come da lungo tempo aspiri a “la fine della divisione e alla riunificazione politica”.
Ha sostenuto che l’unità irlandese è sempre stata “un’aspirazione tra repubblicani e nazionalisti” e ora “c’è molta attesa”.
“Questo per una serie di motivi”.
“Il fallimento delle istituzioni politiche, l’economia dell’Irlanda del Nord ora periferica nel contesto del Regno Unito, le ricadute della Brexit e il cambiamento demografico”.
“Alla luce di quanto sia ormai diventato inevitabile nell’arco di due o tre decenni (un’Irlanda unita, ndr), esprimo il mio sostegno a favore di un sondaggio sul confine o un referendum”, ha dichiarato McKearney.
“In contrasto con coloro che affermano che ciò potrebbe destabilizzare o creare paura all’interno della comunità unionista, la mia tesi è che ciò genererebbe la discussione necessaria e davvero essenziale per iniziare una pianificazione”.
McKearney ha affermato che è fondamentale “porre le basi per un ragionato processo negoziale che ci consenta di evitare l’impensabile alternativa”.
“Mentre è ampiamente riconosciuto, e per ragioni comprensibili, che l’Unionismo sia riluttante a discutere la possibilità di un’Irlanda unita, c’è anche una certa riluttanza all’interno dell’establishment del sud Irlanda, a discutere di questo problema”.
“Indire un referendum e sostenere l’unità irlandese, permetterebbe di affrontare il problema prima di raggiungere il punto di crisi”, ha sottolineato McKarney.

I presenti all’incontro hanno sollevato la richiesta di referendum congiunti su entrambi i lati del confine, per replicare le elezioni del 1918, durante le quali l’80 votò per l’unità irlandese. Hanno chiesto anche di trarre insegnamento dal referendum scozzese, e di dare ai giovani di 16 anni l’opportunità di votare.

Fonte Impartial Reporter

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.