MASSEREENE TRIAL. DNA: “IMPOSSIBILE ESCLUDERE CHE SIA DI SHIVERS”

Dalle analisi risulterebbe “impossibile escludere o confermare” che le tracce di DNA ritrovate nella Vauxhall Cavalier usata per la fuga appartengano a Brian Shivers

“Meno di una su un miliardo” le possibilità che le tracce di DNA ritrovate nell’auto non appartengono ad una persona imparentata con Brian Shivers: è la testimonianza di un medico forense al processo per la strage di Massereene.

Ma l’imputato nega tutte le accuse, e anzi la sua compagna ha dichiarato che all’epoca, nel marzo 2009, Shivers condannò il duplice omicidio.

A suo sostegno la tesi della difesa, secondo cui sia le tracce di DNA rinvenute nell’auto, parzialmente bruciata, sia quelle trovate su un telefono cellulare – che combacerebbero “perfettamente” con il DNA di Shivers – potrebbero esservi state trasferite accidentalmente e senza che lui ne fosse consapevole, “esattamente come sta avvenendo ora su quel microfono semplicemente parlando”, ha dichiarato in aula l’avvocato.

In quel caso, ha sostenuto, sarebbe molto difficile per l’imputato spiegare come il suo DNA sia arrivato su quegli oggetti, e il medico forense ha confermato che questo è possibile.

Il processo continua.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...