I ROM RITORNANO SUI LORO PASSI

Il ritorno a Belfast dopo gli attacchi settari

Una dozzina di rumeni ha deciso di tornare a Belfast dopo essere stati costretti da attacchi settari ad imboccare la via di fuga verso la loro terra di origine. Probabilmente verranno raggiunti dai loro familiari, ma solo in un secondo momento.
Il sindaco di Belfast Naomi Long ha commentato la notizia affermando che si tratta di “un voto di fiducia nela città”.
“Gli incidenti di Belfast hanno mostrato un lato molto negativo, ma credo che la risposta della comunità di Belfast abbia mostrato un lato molto differente della città e abbia dato alle famiglie rumene la speranza e la fiducia per tornare”.
In totale i rumeni sfollati dalle loro abitazioni di South Belfast sono stati circa 100, che inizialmente aveva trovato rifugio in una chiesa, poi in un centro ricreativo ed infine in alloggi di emergenza messi a disposizione dal governo.
E’ stata iniziativa del governo, anche il finanziare voli diretti in Romania per le persone talmente terrorizzate da voler fuggire dall’Irlanda del Nord.

Traduci l’articolo…
Share
Roma families return after attacks (U TV)
A number of Romanians who fled Belfast in the wake of racist attacks have returned to Northern Ireland.
Around a dozen men have reportedly arrived back in Belfast, with plans for their families to follow afterwards.
Belfast Lord Mayor Naomi Long said the decision to return was “a vote of confidence in the city”.
“This is a very positive development,” she added.
“The incident portrayed Belfast in a very negative light but I think the response of the people of Belfast in the aftermath showed a very different side to the city and gave the Roma families a lot of hope and confidence to return.”
More than 100 people from the Roma community flew back to Romania in June after racists targeted their homes in south Belfast.
They were forced to seek refuge in a church and a leisure centre before the government offered them emergency accommodation.
The Executive paid to fly to Eastern Europe families who felt too frightened to remain in Northern Ireland.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.