IL PSNI ‘CERCA IL CONFRONTO’ DURANTE UN VOLANTINAGGIO A SOSTEGNO DI COLIN DUFFY

Martin Connolly, rappresentante del Republican Indipendent, ha accusato il PSNI di aver cercato il ‘confronto’ durante una manifestazione di volantinaggio organizzata dai familiari di Colin Duffy e dai suoi sostenitori, a Newry.
L’evento ha ottenuto un ottimo riscontro dalla gente comune che ha accettato i volantini pro Colin Duffy, dimostrando un interessamento alla questione e ponendo delle domande. Molti credevano addirittura che Duffy fosse libero.
Non si è trattato di nulla di più di una delle numerose manifestazioni facenti parte della campagna a sostegno del repubblicano di Lurgan, fino a quando non è giunto sul posto il PSNI, che ha iniziato ad accusare chi distribuiva i volantini, di attuare una colletta ‘illecita’.
Fatto questo che è stato negato, ma i familiari di Duffy hanno deciso di desistere quando la polizia ha dimostrato l’intenzione a procedere a degli arresti.
IL PSNI ha fatto fronte alle accuse consigliando a chi si è sentito leso dalle sue azioni, di rivolgersi all’Ombudsman.

La campagna a sostegno di Colin Duffy fa tappa a Strabane
Un’altra manifestazione a sostegno di Colin Duffy si è svolta a Strabane (Strabane Chronicle, ndr), a cui ha presenziato anche una rappresentanza dell’IRSP (Irish Republican Socialist Party) il cui portavoce Willie Gallagher ha dichiarato: “Noi siamo qui a sostegno della famiglia e saremo coinvolti nella campagna. Per noi, è una questione di diritti umani fondamentali. Crediamo che Colin Duffy sia colpevole di essere innocente e che i suoi diritti umani sono stati violati”.

Duffy protest sparks confrontation furore (Newry Democrat)
A local councillor has accused police of attempting to provoke a confrontation as relatives and supporters of Lurgan republican Colin Duffy distributed leaflets in Newry on Friday.
The accusation came from Independent Republican representative Martin Connolly, who joined supporters as they handed out leaflets to shoppers and motorists in the Dublin Road, Bridge Street and Francis Street areas.
Duffy, 41, is currently in custody charged with murdering two soldiers in a Real IRA gun attack outside Massereene barracks in Antrim on March 7. He is also accused of five counts of attempted murder.
According to councillor Connolly, the Newry protest was one of a series of similar events arranged across various parts of the North to highlight Duffy’s case.
He told the Democrat that it received a good response, with members of the public accepting the leaflets and asking questions about Duffy.
“Some people weren’t aware that he was still in custody, they thought he was out,” Mr Connolly said.
The Mournes representative explained that police eventually arrived on the scene, resulting in a “heated exchange” when they accused those handing out the leaflets of carrying out a collection, something which he denies took place.
“The Duffy family then ended things because they felt that the PSNI were intent on arresting someone and they wanted to defuse the situation,” he went on.
A police spokesman explained that officers went to the Francis Street area of Newry after reports of people distributing leaflets and carrying out an unauthorised collection.
“Police spoke to a number of people before the group dispersed,” he said, adding that anyone with a complaint about police actions should contact the Ombudsman.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.