MARIAN PRICE LIBERA, CONTINUA LA CAMPAGNA PER GLI ALTRI INTERNATI

Lo statement emesso dall’Irish Republican Prisoners Welfare Association dopo la notizia della liberazione di Marian Price. La campagna di liberazione continua per gli altri attivisti repubblicani tutt’ora detenuti in regime di internamento

L’IRPWA accoglie con favore la liberazione di Marian Price e le augura una pronta guarigione dopo i suoi 2 anni di isolamento e torture per mano di un governo britannico straniero e dei suoi campi di tortura in Irlanda.
La sua incarcerazione è stato un atto di vendetta premeditato dai ‘signori’ di  Westminster per il fatto di avere una ideologia repubblicana irlandese.

Si tratta di un sistema corrotto e rancido,  in cui una donna può essere strappata alla sua famiglia e costretta in isolamento in carcere per un periodo di oltre 2 anni, dal capriccio di un governo straniero desideroso di mostrare i muscoli attraverso mezzi di internamento illegale e la distruzione di prove. Marian è stata liberata, ma non avrebbe mai dovuto essere arrestata e ne lei ne i i suoi famigliari avrebbero mai dovuto soffrire tutto questo..

Molti stanno ancora soffrendo dell’internamento selettivo, non ultimo Martin Corey, che sta affrontando più di 3 anni di internamento per nulla se non per un patto British/Pan-Unionist non scritto, per tenere al loro posto quelli che considerano Croppy’s.

Stephen Murney internato per aver tentato di proteggere i propri diritti civili registrando pubblicamente le continue vessazioni subite da parte delle forze della corona e per essere stato fermo nel rifiuto di criminalizzare se stesso e la sua ideologia nei confronti dei britannici, con l’equivalente di una palla al piede.

I ‘Craigavon ​​2’ incarcerati sulla base di prove false e deliberatamente fabbricate da un compulsivo bugiardo istruito dalla RUC,  e con l’interferenza delle forze della corona britannica che hanno minacciato di arresto un testimone, nel tentativo di convincerlo a ritrattare la sua testimonianza ..

Gary McDaid,  che si ritrova in isolamento nel calderone delle forze oscure del MI5 in un’ala penale a Maghaberry, per consentire ai britannici specialisti nelle torture (illegali), di far pressioni su di lui per convincerlo a diventare un informatore.

Sono in molti di più ad essere internati a causa del sistema di ingiustizia di vecchia scuola, marcio fino al midollo.

Marian è stato rilasciata, ma non prima che le fossero inflitti  2 anni di tortura .. Bisogna contribuire per porre fine alla tortura e gli errori  della giustizia ancora inflitti a uomini e donne irlandesi da parte dello Stato britannico.
Stop all’internamento britannico e alla tortura!

Articoli Correlati

Annunci

Un pensiero su “MARIAN PRICE LIBERA, CONTINUA LA CAMPAGNA PER GLI ALTRI INTERNATI

  1. Pingback: FRANCIS MACKEY: “BENTORNATA MARIAN, MA RESTANO QUESTIONI IRRISOLTE” | The Five Demands

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...