FINE GAEL SENZA MAGGIORANZA ASSOLUTA

Rimane ancora incerto il computo esatto dei seggi, ma appare chiaro che il Fine Gael, nonostante una sonora vittoria, non abbia la maggioranza assoluta. Sinn Fein raddoppia i consensi. Fianna Fail ai minimi storici.

Lo spoglio dei voti in Irlanda si avvia verso la conclusione. Probabilmente tra un giorno saremmo in grado di fornire i dati definitivi. Tuttavia, tre sono i dati eccezionali che emergono già con chiarezza.
Incofutabilmente, infatti, il partito di Brian Cowen, Taoiseach uscente, e di Micheal Martin, candidato alla stessa carica per queste elezioni, è stato punito severamente e giocherà un ruolo di secondo piano nella prossima legislatura. Molti parlamentari del Fianna Fail andranno da domani in pensione forzata e oltre due terzi degli elettori del 2007 hanno preferito altre sponde elettorali. Anche a Dublino, tradizionale roccaforte del partito, le cifre non sono confortanti. Sembra, per adesso, che l’unico eletto nella capitale sia l’ex ministro delle finanze Brian Lenihan. Perfino i Greens, partner privilegiato del Fianna Fail, hanno raccolto un misero 2,7% su base nazionale.
Il secondo dato sottolinea come il Fine Gael, dopo anni di opposizione, tornerà a determinare il destino irlandese. Enda Kenny senza ombra di dubbio sarà il prossimo primo ministro. Tuttavia, a differenza di ciò che risultava chiaro da alcuni pronostici, il suo partito non avrà la maggioranza assoluta al Dail. Il partito, forte del mandato del 36% del popolo irlandese, dovrà cercare alleati. La risposta più ovvia sarebbe un’alleanza con il Labour che si è attestato sopra il 20%. Eppure c’è chi sussurra che il Fine Gael potrebbe evitare un poco accomodante patto con il Labour, preferendo contare sui molti indipendenti eletti (per adesso 12). Per saperlo, occorrerà attendere i risultati definitivi di questa tornata elettorale.
Infine, non si può negare che la perfomance elettorale dello Sinn Fèin sia stata ottima. Il partito di Adams ha raddoppiato i propri consensi  (oltre il 10% dell’elettorato) e il suo leader ha ipotecato il seggio di Louth con una netta vittoria. Lo Sinn Fèin è adesso il terzo partito della repubblica di Irlanda e in maggio, secondo i sondaggi, potrebbe diventare il primo partito oltre il confine ed esprimere Martin McGuinness come prossimo primo ministro. Non sono ancora chiare le prossime mosse di Adams, ma è chiaro che da Dublino la posizione dello Sinn Fèin si rinforzi, creando un asse con Belfast.

Scrutinio in tempo reale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.