DISORDINI ‘LEALISTI’ A BALLYMENA. QUARTA NOTTE DI VIOLENZE

Non si placano le violenze accese dalla decisione di rimuovere la Union Jack dalla Belfast City Hall e da altri edifici pubblici. Si tratta della quarta notte consecutiva di disordini. Ferito un agente di polizia. Danneggiate due Land Rover della PSNI, altre due auto e la vetrina di un’attività commerciale

Centocinquanta lealisti riuniti nelle vicinanze della Town Hall Linenhall Street a Ballymena (Co. Antrim), erano scesi in protesta quest’oggi contro la mozione che prevede la rimozione della Union Jack dalla Belfast City Hall. Presente anche Jim Allister (TUV).

Al termine della manifestazione un piccolo gruppo di lealisti ha dato il via alla quarta nottata consecutiva di disordini, che si stanno allargando a macchia d’olio in tutto il Nord Irlanda.

Uno dei presenti ha testimoniato il lancio di razzi, bottiglie e mattoni contro gli agenti della PSNI, che da parte sua ha dichiarato l’intento di avvalersi di rappresentanti comunitari nel tentativo di sedare gli animi.

Arrestati due ragazzi di 16 e 20 anni.

Una dichiarazione rilasciata questa sera dall’OFMDFM (Office of the First Minister and Deputy First Minister, ndr), recita: “Il Primo Ministro Peter Robinson e il Vice Primo Ministro Martin McGuinness questa sera hanno conferito con il Presidente dell’Assembly per chiedergli di anticipare la seduta plenaria dell’Assembly in programma lunedi 10 dicembre, al fine di discutere una decisa presa di posizione in relazione ai recenti disordini.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.