I terroristi hanno messo un bersaglio sulla mia schiena

L’impunità inquina e indebolisce le democrazie. I racconti di questi moniti in Irlanda del Nord, e nel resto d’Europa, sono troppo numerosi per essere ignorati. L’azione è attesa da tempo per garantire che tutti i giornalisti siano protetti.
La democrazia senza la libertà dei media non è affatto una vera democrazia.

Patricia Devlin dalle pagine di Open Democracy

Come molti giornalisti in Irlanda del Nord, la mia vita è stata minacciata e la colpa è dell’impunità. Cosa si aspetta ad agire?

Sono tra i numerosi giornalisti nordirlandesi ad essere stata informata dalla polizia che la mia vita è in pericolo.
Gli ultimi due anni sono stati i più duri della mia carriera come giornalista di cronaca nera nell’Irlanda del Nord. Sono stato maltrattata, molestata e presa di mira dai paramilitari lealisti che non solo hanno minacciato di uccidermi, ma di violentare uno dei miei figli. Quando il mio nome è stato scritto con lo spray sui muri accanto al mirino della pistola, mi sono seduta e mi sono chiesta, come si è arrivati ​​a questo? Come hanno fatto i terroristi, presumibilmente sotto la sorveglianza della polizia, a riuscire con tanta facilità a mettermi un bersaglio sulla schiena?
La risposta è inquietante e semplice: gli è stato permesso.

L’impunità invia un messaggio chiaro
Ai giornalisti: le minacce contro di voi non sono una priorità per noi;
A coloro che li minacciano: potete continuare perché non vi chiederemo conto.

Impunità è una parola che è sinonimo del passato travagliato dell’Irlanda del Nord. Un’eredità di omicidi irrisolti in un ambiente colluso significa che molti di coloro che hanno perso i propri cari durante i giorni più bui del conflitto non otterranno mai la verità e la giustizia che meritano. A ventitré anni dall’Accordo del Venerdì Santo, esistono ancora comunità divise governate da bande criminali repubblicane e lealiste. Quei paramilitari hanno mietuto la morte di due giornalisti da quando è stato firmato lo stesso accordo di pace.

Il 28 settembre 2001, il giornalista del Sunday World Martin O’Hagan è stato ucciso vicino alla sua casa nella contea di Armagh dalla Loyalist Volunteer Force (LVF).
Il 18 aprile 2019, la giornalista Lyra McKee è stata uccisa dalla New IRA sulla scena di disordini a Derry.
Sebbene uccisi a quasi due decenni di distanza da gruppi diversi, c’è una similitudine in entrambi gli omicidi: l’impunità ha impedito che i loro assassini fossero assicurati alla giustizia.

Dall’omicidio di Lyra due anni fa, l’intimidazione dei giornalisti nell’Irlanda del Nord ha raggiunto livelli allarmanti. Sono tra i numerosi giornalisti che sono stati informati dalla polizia che la mia vita è in pericolo. Come molti dei miei colleghi minacciati, non ho ancora visto nessuno chiamato a rispondere di questi sinistri tentativi di impedirmi di fare il mio lavoro. Era l’inizio del 2019 quando sono stata preso di mira per la prima volta in una campagna diffamatoria. Stavo scrivendo sull’omicidio di Ian Ogle, padre di due figli, che è stato massacrato a pochi metri dalla sua casa di East Belfast da membri dell’Ulster Volunteer Force (UVF). Nei mesi precedenti la sua uccisione, Ian e la sua famiglia erano stati sottoposti a una campagna di intimidazione che lo aveva costretto a lasciare il lavoro e ordinato di ‘consegnarsi’. Il suo crimine è stato difendere i suoi figli, aggrediti in un bar. Il suo rifiuto di inchinarsi ha portato al suo omicidio.

trish graffiti

da Independent.ie

Ogni volta che ho scritto una storia sulle attività criminali dell’UVF, sono stata soggetta a implacabili abusi online, diffamazioni e odio. I miei dati personali, incluso un link alla mia pagina Facebook privata, sono stati pubblicati sui social media, invitando altri utenti a partecipare al trolling. Una donna ha detto dopo aver visto le foto dei miei figli che sperava dovessi “seppellirli”. Da un altro account mi hanno scritto che avevo un bersaglio sulla schiena, che era lì “da un po’”. Anche al culmine degli implacabili abusi, che si sono verificati mentre ero incinta, non sono andata alla polizia perché credevo che fosse qualcosa collegato ad essere cronista di criminalità. La situazione è cambiata pochi mesi dopo, quando ho ricevuto un messaggio sul mio account Facebook personale in cui il mittente minacciava di violentare mio figlio appena nato. È stato firmato a nome del gruppo terroristico neonazista Combat-18. Sono andata alla polizia, dove ho presentato una dichiarazione formale e fornito agli agenti i dettagli dell’account social che aveva inviato il messaggio.

La polizia ha successivamente confermato che l’individuo dietro il messaggio era un criminale violento che in precedenza aveva stretti legami con una banda paramilitare lealista. Ad oggi, questo individuo non è stato nemmeno interrogato, figuriamoci arrestato. Da allora, le minacce contro di me per il mio lavoro sono aumentate. Nell’aprile 2020, la polizia mi ha informato di aver ricevuto informazioni su un piano di attacco alla mia auto se fossi entrata in un’area lealista a Belfast, dove mi ero occupata di coercizione e controllo paramilitari.

Il mese successivo, io e 2 colleghi siamo stati informati dalla polizia che la South East Antrim Ulster Defense Association (UDA) aveva pianificato di attaccarci. La minaccia globale ha portato alla condanna da parte dei politici di tutto il parterre politico. Il giorno dopo, quegli stessi politici sono stati informati di essere loro stessi bersaglio della stessa banda. A novembre, le minacce sono aumentate, con la polizia che ha fatto visita a casa mia due volte in 12 ore. Mi hanno informato di due minacce separate provenienti dall’UDA. A febbraio, il mio nome è stato spruzzato su una serie di muri accanto all’immagine di un mirino di una pistola, l’ennesima minaccia di uccidermi.

I politici e la polizia avevano promesso di fare ciò che è necessario per prendere le persone dietro quelle minacce. Ma oggi, mentre mi siedo qui e mi chiedo cosa verrà dopo, nessuno l’ha fatto. E ho poca fiducia che qualcuno lo farà mai. Quando la polizia non riesce ad arrestare un pericoloso criminale che minaccia un neonato, con prove sufficienti per farlo, che speranza c’è che le figure oscure dietro le minacce di morte vengano mai consegnate alla giustizia?

Il cambiamento è in ritardo. Nel 2018, la giornalista montenegrina Olivera Lakić è stata gambizzata davanti al suo condominio. Già nel marzo 2012 un uomo l’aveva aggredita, davanti al suo appartamento. Mentre l’autore di quell’attacco del 2012 è stato condannato, delle nove persone arrestate dopo l’agguato del 2018, nessuno è stato incriminato. Un fatto ancora irrisolto a 3 anni di distanza.
Alla fine del 2020, il procuratore dello Stato del Montenegro ha annunciato che due sospetti sono stati arrestati per aver pianificato l’assassinio di Lakić. Si presume che siano membri della stessa organizzazione criminale dietro la sparatoria del 2018.

Se la giustizia per i giornalisti non è prioritaria, la loro vulnerabilità viene percepita da coloro che cercano di attaccarli. L’omicidio di Daphne Caruana Galizia a Malta non è venuto fuori dal nulla. Per la sua attività di reporter aveva sopportato anni di minacce legali, ripetute intimidazioni online e campagne diffamatorie, un incendio doloso alla sua abitazione mentre la sua famiglia dormiva all’interno e l’uccisione di un animale domestico. Il suo omicidio deve essere compreso in questo contesto, come il culmine di una campagna contro di lei, alimentata dal fallimento dello stato nell’offrire protezioni adeguate e nel chiedere conto a coloro che sono dietro gli attacchi.

L’impunità inquina e indebolisce le democrazie. I racconti di questi moniti in Irlanda del Nord, e nel resto d’Europa, sono troppo numerosi per essere ignorati. L’azione è attesa da tempo per garantire che tutti i giornalisti siano protetti.

La democrazia senza la libertà dei media non è affatto una vera democrazia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.