NUOVA INCHIESTA SULL’OMICIDIO DI UN RAGAZZO DISARMATO PER MANO DI UN SOLDATO BRITANNICO

Il Procuratore Generale ha ordinato che una nuova inchiesta sull’omicidio di uno uomo disarmato, affetto da severo ritardo intellettivo, colpito alla schiena da un soldato inglese il 7 agosto 1974

Patrick (Paddy) McElhone, 25 anni sofferente di una grave disabilità di apprendimento, fu preso dalla sua abitazione e ucciso in un campo vicino a Limehill Road a Pomeroy, da Roy Alun Jones del 1° Battaglione del Royal Regiment of Wales.
Jones tornò in servizio diversi mesi dopo il suo processo dinnanzi ad una Diplock Court. Morì nel 2002.

Key evidence in Pomeroy killing not put before court - Ulster Herald3

In una corrispondenza all’avvocato per i diritti umani Patrick Fahy, il procuratore Generale per l’Irlanda del Nord, John F Larkin QC, afferma che non “non c’è nulla che possa plausibilmente giustificare l’uccisione di McElhone”.

In una dichiarazione rilasciata all’HET (Historical Enquiries Team) nel 2013, il soldanto britannico Bedford, che si trovava sulla scena del massacro, ribadì la dichiarazione rilasciata all’indomani dell’uccisione, in cui descriveva di aver visto Jones e Paddy McElhone camminare lungo una strada prima di scomparire dalla vista. Poco dopo si sentì un singolo colpo.
L’HET non capisce come Bedford possa non essere stato chiamato a testimoniare durante il processo.
Come testimoniato agli investigatori 24 anni fa, Bedford confermò all’HET, che Jones gli disse: “Tieni la bocca chiusa, ho sentito quello che hai detto nella tua dichiarazione, mi metterai nella merda” e lui rispose: “Sei già nella merda e sto dicendo la verità”.
Questa prova non è mai arrivata davanti al giudice McDermott.

Rivolgendosi al Procuratore Generale, l’avvocato Fahy, in rappresentanza della famiglia McElhone, ha affermato che è “palesemente chiaro che le prove che potevano portare alla condanna di Jones, sono state tenute nascoste”.

Il Procuratore Generale Larkin, ha ora ordinato una nuova inchiesta. Un’inchiesta postuma che potrà solo dimostrare come McElhone “non fece nulla di sbagliato immediatamente prima della sua morte, e certamente nulla che potesse plausibilmente giustificare il suo omicidio”.
Larkin ha dichiarato che se Jones fosse ancora vivo, avrebbe scritto al Pubblico Ministero per verificare la possibilità di riaprire la sentenza di assoluzione.

I familiari di McElhone hanno commentato: “La nostra speranza è che un’inchiesta possa offrire loro la verità che crediamo si possa ottenere da un’inchiesta”.

Fonte Ulster Herald

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.