PSNI CRITICATA PER LA “DEBOLE” RISPOSTA ALLA VIOLENZA DEI RIOTS: L’ASSISTANT CHIEF CONSTABLE RIBATTE

“Un’azione più ferrea con immediati arresti in larga scala sarebbe stata controproducente.” afferma Alistair Finlay in una lettera al Belfast Telegraph

di Elena Chiorino

Le critiche all’operato della PSNI hanno iniziato a fioccare mentre ancora i riots scuotevano Short Strand, la settimana scorsa: tre persone sono state ferite da colpi di arma da fuoco, ma fonti che si trovavano sul posto hanno affermato che “gli agenti se ne stavano seduti a guardare nei loro Land Rovers armati” iniziando una lenta serie di arresti solo dal giorno successivo. “La polizia avrebbe dovuto prendere i riottosi per la collottola”, accusa Lord Morrow, membro del Justice Committee. “La tattica del contenimento non ha fruttato altri risultati che permettere loro di scatenare nuovi scontri la notte successiva.”
Sul Belfast Telegraph di oggi (28 giugno), è comparsa una lettera di Alistair Finlay, Assistant Chief Constable della PSNI, che spiega le ragioni di tale operato e risponde fermamente alle critiche: “Procedere ad arresti su larga scala in una situazione di violenza è pericoloso e controproducente, e in questi casi bisogna considerare le leggi sui diritti umani e l’ordine pubblico come i problemi più urgenti da risolvere, prima di tutto il resto.” Un’azione più energica avrebbe aiutato a dissipare la violenza, continua: “Non avrebbe riportato la calma né aiutato a creare l’atmosfera ed il terreno per dialoghi fruttuosi e risolutivi.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.