Tutti gli articoli di Sara Parmigiani

Fondatrice e responsabile di The Five Demands. The Five Demands founder and editor in chief sara.parmigiani@thefivedemands.org Skype: fringui_73
Martin McGuinness Windsor Castle large

I REPUBBLICANI VOGLIONO McGUINNESS LONTANO DALLE COMMEMORAZIONI DI PASQUA

Anthony McIntyre, ha affermato che il Vice Primo Ministro Martin McGuinness non dovrebbe partecipare alle commemorazioni di Pasqua sulle tombe dei volontari repubblicani

“Io non vedo quale posto possa avere un micro – ministro britannico sulle tombe dei repubblicani morti” – Anthony McIntyre

Le dichiarazioni di McIntyre fanno da eco  al precedente invito del Republican Sinn Fein, pronunciato dopo la partecipazione di Martin McGuinness al banchetto di Stato tenuto da Regina Elisabetta II a Windosor Castle.

“Vorrei avallare il sentimento del RSF”, ha dichiarato Anthony McIntyre.

“McGuinness sta chiedendo che le persone che portano avanti la tradizione di coloro che sono nelle tombe, vengano incarcerate nel momento in cui si pone accanto al leader dell’unionismo britannico e al capo della polizia britannica”.

“Questo non significa che una campagna armata sia giusta. Penso che sia sbagliata”.

Tommy Gorman, ex volontario dell’IRA,  parte invece da un altro presupposto differente, prendendo in un certo qual modo le distanze da McIntyre e dal RSF.

E’ infatti del parere che il loro ‘invito’ avrebbe senso “se McGuinness fosse repubblicano, allora sarebbe diverso. Ma quest’uomo non è un repubblicano “.

In una dichiarazione firmata dal Republican Sinn Fein Newry e South Armagh – pubblicata da un settimanale – diretta “ai Provos e al loro leader Martin McGuinness”, si legge: “State lontani dalle tombe dei nostri volontari repubblicani irlandesi defunti. La vostra presenza e quella del vostro leader agghindato da British è una contaminazione dei luoghi sacri dove gli hunger strikers e gli altri patrioti riposano”.

About these ads
jean_mcconville_04042012

OMICIDIO McCONVILLE, QUARTO ARRESTO IN UN MESE

Dopo decenni senza sviluppi significativi nelle indagini, l’arresto di oggi è il quarto realizzato dagli investigatori entro un mese

Una donna di 57 anni è stata arrestata mercoledì a West Belfast e si trova attualmente in stato di fermo presso la stazione della PSNI di Antrim, come ha confermato un portavoce del Police Service of Northern Ireland.

Nel mese di marzo il primo a finire in manette era stato il 77enne Ivor Bell. Poi il mese di aprile si era aperto con l’arresto di una donna di 57 anni e di un uomo di 56. Entrambi i sospettati, arrestati separatamente ad West Belfast, erano stati poi rilasciati.

Jean McConville, è uno dei casi più eclatanti dei cosiddetti Troubles’ Disappeared. La donna, sospettata di essere un informatore, venne rapita ed uccisa nel 1972. I resti del suo corpo vennero rinvenuti solo nell’agosto 2003 nella spiaggia di Shelling Hill, Co Louth .