“GLI UNIONISTI PARLANO DA SOLI”: AUMENTA LA TENSIONE PER L’ULSTER COVENANT

Gerry Kelly (Sinn Féin) rilascia uno statement, accusando l’Orange Order di star cercando di deviare dalla necessità di un dialogo faccia a faccia con il gruppo dei residenti di Carrickhill

“Nella dichiarazione che ha rilasciato, l’Orange Order ha dichiarato di non avere ala obiezione a parlare con i rappresentanti dei residenti di Carrickhill. Quindi, anche da parte loro razionalmente non c’è nulla che impedisca che il dialogo avvenga, anche all’ultimo.

“L’Order sta tentando di circoscrivere questo scontro alla St. Patrick’s Chruch, mentre in realtà quello che è accaduto lì il 12 luglio e il 25 agosto è una manifestazione dell’abuso settario che i residenti di Carrickhill subiscono ogni anno quando trenta bande del Loyal Order passano davanti alle loro case.

“Gli unici colloqui pacifici in questi giorni sono avvenuti tra Unionisti che parlavano da soli. Poi, uniti, hanno preso posizione contro il dialogo.

“Se deve essere mostrato rispetto reciproco, allora quelli che vogliono protestare e quelli che vogliono partecipare alla parata devono sedersi faccia a faccia a discutere per trovare una soluzione”.

Intanto, lo scontro si è esteso a Stormont, dove i partiti Unionisti e Nazionalisti si sono affrontati accusandosi a vicenda di settarismo. Respinta una mozione contro Nelson McCausland, “colpevole” di non aver “condannato la banda lealista che suonò una canzone settaria davanti alla St.Patrick’s Church violando le restrizioni della Parades Commission.

La mozione, secondo Peter Robinson, “non aveva altro scopo se non aumentare le tensioni in vista della parata dell’Ulster Covenant”: “In questo lo Sinn Féin e il SDLP sono uniti”, ha aggiunto, sottolineando “l’impatto di decenni di violenza dell’IRA e la tradizione di disobbedienza civile del SDLP”.

McCausland, da parte sua, ripete di “essere intenzionato a trovare una soluzione a lungo termine per i problemi di North Belfast”, e rifiuta di riconoscere le accuse mosse contro di lui.

“Ha finto – e credo che sia stato l’unico dell’Assembly a crederci – che la settaria “Famine Song” fosse una specie di canzone pop”, ribatte Gerry Kelly, sottolineando “la grave offesa” che l’episodio ha causato.

Articoli correlati

Informazioni su questi ad

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...