free-marian-price

CASO PRICE. “DEVIARE DAL CORSO DELLA GIUSTIZIA NON PORTA GUADAGNI”

L’Irish Times torna ad occuparsi dell’internamento di Marian Price, caso che sta scuotendo sempre maggiori perplessità dopo l’ennesima svolta, quando la settimana scorsa il PPS ha ripristinato le accuse originarie

“Lo stile e lo svolgimento della Commemorazione dell’Easter Rising 2010 (tenuta a Derry dal 32csm, come ogni anno) non ha incluso nulla di nuovo o fuori dall’ordinario. Il messaggio della leadership dell’”esercito” è uno standard di queste cerimonie, ma gli scorsi ani non ci sono stati arresti né tantomeno processi. Fuori dall’ordinario è invece l’arresto e ora il ripristino delle accuse contro Marian Price e altri tre imputati: Paddy McDaid, Frank Quigley e Marvin Canning.”

È un estratto di un articolo dell’Irish Times che tenta di portare nuovamente in luce la sconcertante applicazione delle norme di giustizia nel caso di Marian Price. Dopo aver riassunto la vicenda, l’articolo si chiude così: “Gli organizzatori della campagna per la liberazione di Marian Price si sono focalizzzati sulle gravissime condizioni di salute della prigioniera, e le basi umanitarie costituirebbero già un motivo sufficientemente valido per la scarcerazione; ma si dimentica il fatto che il suo imprigionamento solleva dubbi altrettanto gravi sull’applicazione della legge da queste parti. E, come l’esperienza ci insegna in casi come questo, deviare dal corso della giustizia non porta guadagni a nessuno”.

Segue l’articolo in versione integrale:

About these ads

Un pensiero su “CASO PRICE. “DEVIARE DAL CORSO DELLA GIUSTIZIA NON PORTA GUADAGNI””

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...