millimeter-wave-detection-scanner-airport

AL VIA LA ‘SPERIMENTAZIONE’ DEL BODY SCANNER NELLE PRIGIONI DEL NORD IRLANDA

Il Northern Ireland Prison Service ha annunciato l’avvio di progetti pilota di una tecnologia che possa sostituire laddove possibile il ricorso alle perquisizioni corporali forzate. Tre mesi di prova a partire da Magilligan Prison

Millimetre Wave Detection è il nome della nuova tecnologia, molto simile a quella adottata all’interno degli aeroporti, che verrà sperimentata per un periodo prova di tre mesi prima presso Magilligan Prison, ed ad un mese di distanza presso Hydebank Wood Young Offenders Centre.

Sue McAllister, Direttore Generale del Northern Ireland Prison Service (NIPS), ha dichiarato che si è giunti a questa decisione dopo aver valutato una vasta gamma di tecnologie atte ad essere considerate come una possibile alternativa alle perquisizioni corporali (strip searches).

“Inizialmente il Ministro (della Giustizia, David Ford) aveva annunciato l’introduzione di 2 progetti pilota, e ora posso annunciare che queste ‘sperimentazioni’ stanno per avere inizio”, ha dichiarato McAllister.

“Un progetto pilota a Migilligan Prison avrà inizio dopo l’installazione delle apparecchiature e la formazione del personale,  previste per la fine di settembre. Un secodo progetto pilota avrà inizio a metà ottobre ad Hydebank.”

David Ford ha accolto con favore l’annuncio ufficiale.

“Purtroppo, una serie di questioni pratiche e logistiche hanno richiesto più tempo del previsto”.

“Tuttavia, il NIPS è ora in grado di confermare che il primo di questi due progetti piloti avrà inizio il mese prossimo”.

“E’ importante riconoscere che il progresso non può essere a scapito della sicurezza del carcere e i progetti pilota dovranno verificare se la tecnologia è in grado di offrire le stesse garanzie, o anche maggiori, di quelle fornite attraverso l’attuale procedura di perquisizione corporale, che non è ideale, né per gli agenti di polizia penitenziaria né per i prigionieri.”

Nel frattempo i prigionieri repubblicani detenuti nella Roe House della prigione di Maghaberry continuano la loro protesta affinchè venga loro garantito il rispetto dei diritti umani e quindi anche l’abolizione delle strip searches.

About these ads

3 pensieri su “AL VIA LA ‘SPERIMENTAZIONE’ DEL BODY SCANNER NELLE PRIGIONI DEL NORD IRLANDA”

    1. secondo me se c’è l’avallo dei prigionieri dovrebbe essere 1v soluzione abbastanza accettabile.l’unico problema è quanti passaggi dovranno fare nell’arco della loro prigionia,visto ke notoriamente i raggi x non fanno 1 granke bene alla salute.comunque se deve essere cosìmeglio il male minore.anke se non l’ho mai provato ,lo strip search deve essere veramente 1metodo degradante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...