GIRO DI VITE CONTRO GLI ATTACCHI PUNITIVI, MA CALA LA FIDUCIA NELLA PSNI

Nel giorno in cui viene annunciata la campagna della PSNI contro gli attacchi punitivi in stile paramilitare, parla la madre di una vittima della RAAD

Diamo un pò di numeri: oltre 300 gli attacchi punitivi nel 2001, 79 nel 2011 e 11 nei primi due mesi di quest’anno. Un drastico calo a cui non corrisponde una proporzionale “giustizia” nei confronti delle vittime, con solo il 4% dei responsabili portati dinanzi al giudice.

Annunciata oggi una nuova campagna della PSNI per contrastare gli attacchi punitivi. La polizia ripone la propria fiducia nei giovanissimi cercando di trarre maggior vantaggia da facebook, il social network per eccellenza.

“La campagna di Facebook è una tattica Progettato specificamente per raggiungere gli over 16 anni che possono avere informazioni”, ha detto l’Assistant Chief Constable della PSNI, Drew Harris.
“La comunità sa chi sono queste persone. Chi frequentano, che veicoli utilizzano, quali case sono le loro basi, dove detengono le armi. Ognuna di queste informazioni è del tutto vitale per proseguire le nostre indagini.”

Ma a riportare la PSNI con i piedi a terra è Donna Smith, madre di Andrew Allen assassinato dalla RAAD all’inizio di quest’anno. Aveva 24 anni.
“Se non si vede la polizia fare quello che dovrebbe, allo stesso tempo la gente perde in lei la fiducia”, dichiara la donna.”Tu non sai in quale situazione potresti trovarti”.

Articoli Correlati

Informazioni su questi ad

Un pensiero su “GIRO DI VITE CONTRO GLI ATTACCHI PUNITIVI, MA CALA LA FIDUCIA NELLA PSNI

  1. Pingback: LA RAAD “ASPIRA” AD UCCIDERE POLIZIOTTI | The Five Demands

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...