BLOCCATO IL TENTATIVO DEI FINUCANE: NIENTE TRIBUNALE PER CAMERON

Niente mezzi termini nella deposizione scritta presentata al giudice dal segretario privato del premier britannico: alla famiglia Finucane sarà impedito di affrontare in tribunale David Cameron. Geraldine Finucane ne aveva annunciato l’intenzione dopo l’ennesimo rifiuto di istituire una pubblica inchiesta sull’omicidio del marito

Geraldine Finucane e la sua famiglia cercano giustizia da quando Pat Finucane, avvocato di Belfast, morì freddato da killer lealisti davanti a moglie e figli, nel 1989. Vogliono un’inchiesta pubblica ed indipendente: con i sospetti – per non dire le certezze – di collusione tra i paramilitari e le forze di polizia, è l’unica loro richiesta. “In ottobre credevamo di averla finalmente ottenuta”, dichiara Geraldine, “ma rimanemmo scioccati nell’apprendere che non ci sarebbe stata alcuna inchiesta, ma solo una revisione sul caso condotta da un avvocato. Siamo stati trattati crudelmente,” aggiunge. Secondo la sua versione dei fatti, l’unica motivazione addotta per quell’improvvisa inversione di rotta da parte del governo britannico è stato l’intervento di una o più persone ‘sconosciute’. Cameron avrebbe dichiarato: “Ci sono persone qui (a Downing Street, ndr) che non lascerebbero che un’inchiesta pubblica venisse istituita. Non può farlo questa amministrazione come non poteva quella precedente”.
La famiglia Finucane ha una registrazione di quella conversazione, ha affermato il loro avvocato, ma il governo britannico non ne ha messo a disposizione “nemmeno un minuto”, e durante l’udienza di oggi un funzionario ha dichiarato di aver ricevuto disposizioni da David Cameron di negare che abbia mai pronunciato quelle parole. E non essendo presente il Primo Ministro in persona, non è stato possibile interrogarlo in proposito. Per Barry MacDonald, il legale dei Finucane, questa presunta deposizione letta dal funzionario non è che un’arma per evitare la possibilità che il Primo Ministro sia soggetto ad un interrogatorio incrociato in tribunale.
“Secondo noi, il processo di consultazione è stato essenzialmente una messinscena”, ha aggiunto. “La decisione (di non aprire un’inchiesta pubblica) era già stata presa”.
Paul McLaughlin, per il governo britannico, ha dichiarato di dover aspettare istruzioni per rispondere alle questioni sollevate.
La revisione del caso, prevista per maggio, è stata ulteriormente posticipata a giugno, mentre continua l’operazione di revisione di Desmond De Silva, la cui analisi è, secondo Owen Paterson ma non certo secondo Geraldine Finucane, il “miglior mezzo disponibile per giungere alla verità”.

Informazioni su questi ad

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...